Balestrate, arrivano i parcheggi a pagamento

0
521

BALESTRATE. Arrivano i parcheggi a pagamento anche nel centro urbano di Balestrate. La decisione, destinata sicuramente a far parlare di sé, è stata presa dalla giunta guidata dal sindaco Totò Milazzo. Ad essere prevista un’ondata di strisce blu praticamente a ridosso del salotto del paese, nelle aree quindi nevralgiche attorno alla centralissima piazza Rettore Evola dove si concentra il passeggio, gli spettacoli e gli esercizi commerciali più gettonati. I parcheggi a pagamento sono in via di istituzione in alcuni tratti delle vie Madonna del Ponte, Roma, Meli, Libertà, Alessandro Volta, Garibaldi, Montegrappa e Colombo. L’amministrazione comunale, nell’ambito di tale provvedimento, sottolinea che si tratta di un servizio che è attuato in via sperimentale e che al momento, per ragioni economiche sarà gestito direttamente dal Comune. Quindi nessuna società esterna è prevista, almeno per il momento. Gli stalli di sosta a pagamento saranno in vigore ogni giorno, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20. Non è previsto il pagamento di una frazione di ora, bensì i ticket in vendita presso gli esercizi commerciali saranno esclusivamente della durata di un’ora al costo di 70 centesimi. Per i residenti è previsto il rilascio, da parte della polizia municipale, di un solo pass di esenzione per ogni nucleo familiare che abita in una delle vie interessate alle strisce blu. Le esenzioni sono state estese agli invalidi, ai mezzi di soccorso e delle forze dell’ordine ed a quelli comunali o di proprietà di enti pubblici nello svolgimento dell’esercizio quotidiano. Al momento il Comune ha predisposto una spesa di circa 3 mila euro per la realizzazione degli spazi appositi che delimiteranno i parcheggi a pagamento e per l’installazione della necessaria segnaletica. Secondo quanto sostengono sindaco e giunta nell’atto deliberativo, la decisione di attivare i parcheggi a pagamento sarebbe scaturita da alcune considerazioni: “C’è la necessità – si legge – di garantire una rotazione costante dei veicoli, allo scopo di soddisfare le esigenze di sosta di un alto numero di utenti quando la disponibilità di aree di sosta è limitata. Inoltre potrà essere più efficacemente contrastato il fenomeno della sosta in aree vietate”.

Nella foto la via Madonna del Ponte