Asp Trapani, termini riaperti per concorso a 50 posti di amministrativi

L’Asp di Trapani ci riprova e vara un concorso per assumere cinquanta collaboratori amministrativi professionali (categoria D). Lo ha stabilito una delibera  del commissario straordinario Paolo Zappalà che dispone alcune modifiche nello svolgimento delle prove e riapre i termini del vecchio concorso indetto e mai svolto. Guarda caso che si torna a parlare e non solo all’Asp ma anche alla regione di assunzioni alla vigilia di elezioni. Infatti in Sicilia per il rinnovo dell’assemblea regionale si voterà a novembre, Le domande di partecipazione potranno essere presentate entro il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione, per estratto, dell’avviso di modifica del bando sulla Gazzetta regionale voce concorsi. Saranno considerate valide anche le oltre mille istanze già presentate alla scadenza del precedente bando oggi modificato.

Nella valutazione del curriculum la Commissione avrà a disposizione anche l’assegnazione di un punteggio fino ad un massimo di 2 punti per valorizzare l’eventuale contributo, pure in diverso profilo professionale, profuso per fronteggiare l’emergenza COVID-19 per almeno 60 giorni continuativi. In particolare questi punteggi potranno essere assegnati per attività svolta a tempo pieno: da due mesi a 6 mesi punti 0,50- da sei mesi a dodici mesi punti 1 – da dodici mesi a diciotto mesi punti 1,50- da diciotto mesi in poi punti 2. Nel caso in cui l’attività sia stata svolta a tempo parziale i punteggi verranno ridotti proporzionalmente.

Lo svolgimento delle prove selettive viene così modificato rispetto al bando originario:
Eliminando la prova preselettiva e la prova pratica.
Disponendo che la prova scritta sia svolta esclusivamente mediante l’utilizzo dei sistemi informatici e digitali anche in sedi decentrate e anche con più sessioni consecutive non contestuali, assicurando la massima trasparenza e l’omogeneità delle prove somministrate in modo da garantire il medesimo grado di selettività tra tutti i partecipanti.
Qualora il concorso fosse espletato durante il periodo emergenziale, come deliberato dal Consiglio dei Ministri, l’Azienda si riserva la facoltà di espletare la sola prova scritta, dandone comunicazione ai candidati.