Bagnini ad Alcamo Marina finalmente in tempo? Comune già pubblica avviso e aumenta budget

Questa volta i bagnini dovrebbero entrare in servizio sulle spiagge alcamesi in tempo rispetto all’arrivo della stagione balneare. Il relativo avviso è stato infatti pubblicato alcuni giorni fa, più di un mese prima rispetto agli ultimi anni quando il comune di Alcamo fu tra gli ultimi in Sicilia a fornire le spiagge libere di bagni e vigilanza: servizio in funzione da metà luglio lo scorso anno e addirittura dal 27 dello stesso mese nel 2020.  L’avviso pubblicato il  4 maggio scorso, prevede fra l’altro una somma leggermente superiore rispetto al 2021: 60.000 euro rispetto al precedente investimento di 58.000. Le associazioni interessate  a partecipare (nell’ultimo decennio non solo ad Alcamo ma anche a Balestrate e Castellammare l’ha spuntata l’Associazione Nazionale di Salvamento)  dovranno far pervenire l’istanza di manifestazione di interesse  per il servizio di vigilanza e di salvataggio sulle spiagge libere, entro e non oltre le ore 10,00 di lunedì 23 maggio.

Il servizio bagnini dovrà essere svolto, sette giorni su sette, in sei postazioni fisse, per almeno due mesi. Il personale dovrà essere distribuito fra Magazzinazzi/Petrolgas; Battigia/Tonnara; Casello; Catena e due postazioni in zona Canalotto. Dovranno anche essere installate tre passerelle (ex Petrolgas, Tonnara e Canalotto) al fine di facilitare l’accesso al mare dei bagnanti disabili ed eventuali operazioni di soccorso nei momenti di emergenza. Chi si aggiudicherà il servizio dovrà anche allestire lo stazionamento di un’unità mobile di soccorso tramite gommone e installare cartelli nei tratti di spiaggia non sorvegliati. Dovrà anche essere fornito un servizio di ambulanza ma soltanto nei giorni festivi e prefestivi che andrà ad affiancare il 118 già attivo ad Alcamo Marina.