Droga, arresti da Borgetto a Finale Emilia. Emesse 22 misure cautelari

L'arresto a Finale Emilia

Ventidue persone coinvolte, otto comuni coinvolti da Borgetto e fino all’Emilia Romagna, sequestrati circa 5 chilogrammi di droga (cocaina, hascisc e marijuana).  Questi alcuni numeri dell’operazione che questa mattina, in applicazione di un’ordinanza cautelare emessa dal Gip del tribunale di Palermo, per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga, spaccio e detenzione di stupefacenti. Le indagini, portate avanti dalla DDA, hanno fatto luce su di un traffico di droga che da Borgetto raggiungeva Finale nell’Emila passando anche da Palermo ed Enna. Fra Borgetto, Terrasini, Carini, Isola delle Femmine, Capaci, Palermo, Enna e Finale Emilia i carabinieri hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa delle misure cautelari nei confronti di 22 persone (8 sono finite in carcere, 9 agli arresti domiciliari, 5 all’obbligo di presentazione).

Erano stati i carabinieri della compagnia di Carini, nel luglio 2018, a dar scattare le indagini in occasione del ferimento di due cavalli (di cui uno in modo mortale) all’interno di una stalla a Torretta. Quell’azione, fin dalle prime ricostruzioni investigative, è parsa subito riconducibile a controversie connesse al traffico di stupefacenti insorte nell’ambito dello spacco nell’area di Carini. Le indagini di DDA e carabinieri hanno quindi consentito  di raccogliere gravi indizi sull’esistenza di due distinti sodalizi criminali, riconducibili proprio ai proprietari dei due cavalli feriti, e dediti alla cessione, acquisto, trasporto, commercio, vendita ed illecita detenzione di cocaina, marijuana e hashish nei territori di Carini, Isola delle Femmine, Capaci, Cinisi e Terrasini.

Durante le indagini e prima delle misure cautelari odierne, erano già stati arrestate in flagranza di reato altre 12 persone sempre per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Inoltre erano già stati sequestrati 3,3 kg di hashish, 0,7 kg di cocaina e 0,6 kg di marijuana, nonché la somma in contanti di circa 5.500 euro.