Arrestato per tentata rapina

    Ieri mattina un 30enne trapanese, Giuseppe Cusenza, è stato tratto in arresto dai Carabinieri della Stazione di Trapani Borgo Annunziata per il reato di tentata rapina in abitazione e porto abusivo di armi.

    I fatti risalgono al pomeriggio del 4 aprile scorso, quando l’uomo, assieme ad altri due complici, fece irruzione in un’abitazione condominiale di via Mascagni.

    In quella circostanza i tre, travisati da passamontagna e da una maschera carnevalesca ed armati di tre pistole, dopo essersi introdotti nell’appartamento e minacciando l’uomo presente in casa dopo averlo aggredito, frugarono dappertutto e anche addosso all’uomo alla ricerca di denaro contante. Al momento dei fatti, tra l’altro, erano presenti in casa anche una donna e una bambina di 10 anni. Non riuscendo a trovare alcunché i tre si allontanarono dall’abitazione.

    Immediate le ricerche dei carabinieri, che ritrovarono nel locale autoclave di uno stabile nelle immediate vicinanze dell’abitazione di Giuseppe Cusenza, e non lontano dall’abitazione della vittima, una delle pistole utilizzate nella rapina, risultata poi una pistola giocattolo, nonché gli oggetti utilizzati per il travestimento, tra cui la maschera raffigurante un volto umano.

    I gravi indizi di colpevolezza acquisiti dai militari nei confronti di Cusenza, derivanti dagli elementi raccolti e dalla descrizione di uno dei malviventi fornita dalla vittima, sono stati condivisi dal Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Trapani, che ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo, eseguita ieri mattina.

    L’arrestato si trova adesso nella Casa Circondariale di Trapani San Giuliano, e sono in corso le indagini per risalire agli altri due complici dell’uomo.