Applicavano interessi superiori al 120%: arrestati

    0
    324

    Due fratelli di Custonaci, M.S di 50 anni, e R.S. di 47, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Trapani, nell’ambito di un’operazione finalizzata al contrasto del fenomeno dell’estorsione e dell’usura.

    I due sono accusati di praticare prestiti a tassi usurari ai danni di un imprenditore custonacese, operante nel settore della lavorazione del marmo.

     

    In particolare, le indagini hanno dimostrato che gli usurai, due allevatori della provincia, approfittando dello stato di bisogno della vittima, alla scadenza del prestito, pretendevano la restituzione del capitale, maggiorato di interessi anticipati pari al 10% mensile, corrispondenti a un tasso di interesse usurario superiore al 120% su base annua.

     

    Le conseguenti perquisizioni presso le abitazioni degli arrestati hanno consentito di sequestrare oltre 10 mila euro in contanti, nonché – rinvenuti all’interno dell’autovettura di uno dei fratelli – due cartucce cal. 12 illegalmente detenute.