Amministrative a Misiliscemi e Partinico. Scrutinio domani sera a chiusura del voto

0
70

Domani giornata storica per il trapanese. Con l’elezione di sindaco e consiglio comunale diventerà operativo, a tutti gli effetti, il 25esimo comune della provincia di Trapani, Misiliscemi. Il nuovo enee locale, nato per legge regionale dopo il referendum istitutivo, ha messe assieme otto frazioni del comune di Trapani che andrà quindi a perdere circa 9.000 abitanti. A contendersi la poltrona di primo sindaco della storia saranno Salvatore Tallarita e Giuseppe Peralta. I seggi elettorali entreranno in funzione domattina alle 7 e si concluderanno alle 22. Lo scrutinio avverrà subito dopo la chiusura delle operazioni di voto. Si vota anche a Partinico dove i cittadini avranno finalmente l’opportunità, dopo più di tre anni di commissariamento (straordinario prima e prefettizio poi), i loro rappresentanti, coloro che dovranno amministrarli per il prossimo quinquennio.  Il comune partinicese era stato sciolto per mafia, dal ministero dell’interno, nel luglio 2020. A Partinico (31.401 abitanti) si voterà con il sistema proporzionale che prevede anche un turno di ballottaggio già fissato per domenica 27 novembre. Tre i candidati a sindaco: in ordine alfabetico Toti Longo, Bartolomeo Parrino e Pietro Rao. A sostenerli complessivamente 10 liste per il consiglio comunale. Con le amministrative di domani, quindi, la politica tornerà all’interno del palazzo di città dopo ben tre anni e mezzo di commissariamenti: prima un anno di commissario regionale per le dimissioni del sindaco De Luca e altri quasi due anni e mezzo di commissari prefettizi dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose. L’eredità sarà pesante, a cominciare dalla prosecuzione del risanamento finanziario dopo il dichiarato dissesto del 2018.