Allmayer, affitto in scadenza. Inutile scambio di accuse, nessuna risposta da Agenzia delle Entrate

Possibile che la politica e le istituzioni pubbliche non abbiano la forza di sbattere i pugni e di fermare una situazione, quella del futuro dei locali del liceo Fazio Allmayer di Alcamo, divenuta un vero e proprio stillicidio? Dall’incontro, l’ennesimo, svoltosi ieri in video-conferenza è stato infatti certificata questa incredibile incapacità operativa delle parti che danno invece sempre vita al valzer dello scarica-barile.

Il libero Consorzio ha infatti comunicato che l’Agenzia delle Entrate, chiamata in causa nel giugno dello scorso anno per dirimere la vicenda della valutazione dell’immobile del viale Europa e mettere così d’acccordo i proprietari, la famiglia Corso, e l’ente acquirente, l’ex provincia, dopo quasi un anno, seppur più volte sollecitata, non ha mai fornito alcuna risposta, impedendo così di definire le trattative di acquisto prima della scadenza del contratto di locazione.

E meno male che Alcamo, sede del Fazio Allmayer, ha un suo concittadino, l’onorevole Mimmo Turano, alla guida di un pesante assessorato regionale. All’incontro di ieri, ancora una volta infruttuoso, hanno partecipato il Commissario Straordinario del Libero Consorzio, Raimondo Cerami, che ha promosso l’appuntamento, il dirigente generale dell’assessorato regionale dell’istruzione, il sindaco di Alcamo Domenico Surdi, il dirigente scolastico Vito Emilio Piccichè e la famiglia Corso (proprietaria dell’immobile del viale Europa, sede delle classi del liceo linguistico).

Il commissario cerami ha confermato la necessità di ridurre le spese per gli affitti di immobili ad uso scolastico  ed ha confermato, per l’ennesima volta, che è previsto il trasferimento degli studenti del “Vito Fazio Allmayer” presso l’immobile di proprietà dell’ex provincia, sito in contrada Sasi a Calatafimi. Il Libero Consorzio Comuanle ha anche ribadito di avere avere interpellato il comune di Alcamo che non è stato in grado di reperire una sede e di aere quindi avanzato l’ipotesi dell’acquisto del plesso del viale Europa la cui offerta non era stata però ritenuta congrua dai proprietari.

Tirato in ballo dal commissario Cerami, questa mattina è prontamente arrivata la nota-stampa del sindaco di Alcamo. “Ancora una volta – ha detto Surdi – abbiamo assistito ad un rimbalzo di competenze fra la Regione che dichiara che la Provincia avrebbe potuto utilizzare delle somme di propria competenza per continuare a pagare l’affitto di uno dei lotti della scuola ed invece non l’ha fatto, e la Provincia che asserisce che la Regione aveva promesso un finanziamento a valere su fondi europei e di fatto non utilizzabili per l’affitto della scuola”.

“Non permetteremo che questo continuo balletto di competenze impedisca di fare chiarezza e di giungere alla risoluzione definitiva della questione del Fazio Allmayer – ha concluso il sindaco – per la quale, in quanto comune, ci siamo sempre impegnati”. Un impegno, però, non confermato da Cerami che sostiene che il Comune non sia stato in grado di reperire alcun immobile e di avanzare alcuna proposta concreta.