Alcamo: tributi, in aumento i contenziosi col Comune

0
350

“La risoluzione anticipata della convenzione tra il Comune di Alcamo e l’Aipa farà crescere a dismisura il contenzioso tributario”. Lo sostiene la responsabile dell’Avvocatura comunale alcamese, Giovanna Mistretta, nel relazionare l’attività interna degli uffici per ciò che concerne la stesura del bilancio di previsione 2014. In pratica sulla testa dell’ente municipale, anno dopo anno, penderà centinaia e centinaia di ricorsi specie per contestare proprio il calcolo della pressione fiscale in ogni famiglia e anche per le attività commerciali e produttive. La previsione dell’avvocato comunale lascia presagire soprattutto un aumento del carico di lavoro sugli uffici della stessa avvocatura e soprattutto un maggior dispendio economico per le casse pubbliche dal momento che si dovranno affrontare spese processuali: “Si rileva che si è assistito e si assisterà – sostiene la Mistretta – ad un aumento esponenziale del contenzioso in tutti i settori interessanti la vita dell’ente, ovvero richieste risarcitorie, cause di lavoro, ricorsi tributari, opposizioni a sanzioni amministrative, non solo contro i verbali della polizia municipale ma anche avverso contro le ordinanze e le ingiunzioni derivanti da violazioni dei regolamenti comunali. Ciò a causa di una maggiore presa di coscienza civile e sociale del cittadino anche dovuta all’attuale contingenza economica sociale, nonché per la proliferazione delle competenze in capo agli Enti Locali e per la conseguente accresciuta attività del Comune in materie quali le procedure espropriative, le procedure concorsuali, gli accertamenti tributari, i controlli di Polizia Municipale, risarcimento danni da insidie stradali, procedimenti dai quali potranno scaturire possibili contenziosi”. In buona sostanza la dirigente traccia questo quadro facendo diverse considerazioni: anzitutto le difficoltà a pagare i tributi porteranno inevitabilmente l’utente ad appigliarsi a qualsiasi cavillo pur di non pagare o comunque bloccare il pagamento delle cartelle notificate. E poi ci sarà da tenere in considerazione anche una soglia di errore umano che potrà scaturire dagli uffici dal momento che il carico di lavoro aumenterà notevolmente. E’ soprattutto sul fronte dei tributi che c’è una certa preoccupazione. L’Aipa infatti garantiva accertamenti e soprattutto la verifica, incrociando le banche dati, di morosi facendo quindi aumentare gli introiti del Comune. Lo scorso anno questa società privata riuscì a emettere accertamenti per oltre un milione di euro. Il Comune ha però deciso di tagliare il rapporto anche per risparmiare. Il problema è che l’ufficio Tributi non ha personale in grado di fare questi accertamenti. Alla tirata dei conti sarà più il danno economico che altro. Tutta questa situazione, sommata alle già difficili condizioni di bilancio, sta creando non pochi grattacapi all’amministrazione comunale già alle prese da ieri con febbrili riunioni con gli uffici per ripianare lo squilibrio di bilancio dettato dalla recente deliberazione del consiglio comunale di abbassamento delle aliquote Tasi e Tari.

200 in order to reach the masses
hollister uk American Women New Hair Color Trend

Alex McCord at Mercedes Benz Fashion Week
woolrich outletEssential Guide to Discount Designer Shoes