Alcamo: Sp 47, accordo per la riapertura

0
484

Ora è ufficiale la riapertura imminente della strada provinciale 47, che collega il centro urbano alcamese con Alcamo Marina e Castellammare del Golfo. La giunta guidata dal sindaco Sebastiano Bonventre ha approvato la delibera di approvazione dello schema di accordo per il completamento dei lavori di pavimentazione stradale e collocamento della segnaletica stradale verticale ed orizzontale. Il Comune anticipa la somma necessaria per i lavori, per un totale di 45 mila euro, a titolo di anticipazione di spese in conto terzi. Quindi successivamente la Provincia restituirà questa somma, essendo titolare dell’arteria. Per l’esattezza gli interventi sono programmati nel tratto che si estende dal chilometro 4+900 al chilometro 5+200, interessato dai lavori perché ritenuto poco sicuro al transito veicolare e pedonale. A questa intesa si è arrivati a seguito di un vertice in prefettura a Trapani, richiesto dal Comune di Alcamo che ha fatto presente la necessità di riaprire il transito veicolare della Sp 47 perché ritenuta strada essenziale nel periodo estivo, percorsa nei mesi di luglio e agosto da migliaia di auto. Lo schema di accordo si è reso necessario a seguito del contenzioso tra la Provincia ed il Comune sorto dopo il perdurare dell’interruzione della strada. Oramai da più di un mese i lavori erano stati quasi del tutto completati ma la ditta aveva deciso di sospendere tutto perché non avrebbe ricevuto l’ultima tranche dei fondi dalla Provincia che a sua volta è rimasta a secco di liquidità per evitare il rischio dello sforamento del Patto di stabilità. Quindi, di fatto, l’arteria è quasi completa ma “congelata”: manca per l’appunto qualche piccolo ritocco e soprattutto il collaudo per sancire la riapertura in sicurezza. Il primo cittadino aveva deciso con un’ordinanza di riaprire la strada completando i lavori a spese del Comune con rivalsa successivamente sul bilancio della Provincia ma erano stati frapposti dallo stesso governo di Palazzo D’Alì degli impedimenti di carattere tecnico-burocratico che sono stati risolti con il vertice in prefettura.