Alcamo-Si presenta Fratelli d’Italia, e nel Pd convocati iscritti

0
404

Due iniziative politiche in programma domani sabato ad Alcamo. All’Hotel Centrale, ore 11, presentazione di “Fratelli d’Italia per Alcamo”. Interverranno gli onorevoli Carolina Varchi e Giampiero Cannella, c ordinatore regionale del partito di Giorgia Meloni, e Maurizio Miceli, coordinatore regionale. Tra i promotori della nascita in città di “Fratelli d’Italia per Alcamo”, è l’avvocato Ubaldo Ruvolo, già vice coordinatore provinciale  del Pdl e tra i più attivi nei gruppi di Forza Silvio. Un passato dunque in Forza Italia. Sempre sabato pomeriggio alle 17 nella sede della via Crispi, riunione degli iscritti del Partito democratico, scesi a 144. Durante il vertice saranno esaminate le sei mozioni degli altrettanti candidati a segretario nazionale del Pd e quindi si passerà alla elezione dei delegati alla convenzione provinciale.  Movimenti e partiti  dunque scaldano i motori ad Alcamo  non solo in vista delle elezioni europee, ma anche nella prospettiva di conquistare fra un anno e mezzo il Comune di Alcamo. Movimenti e partiti animano in questo periodo e nel loro interno riunioni e dibattiti. L’ultima riunione ha portato una vecchia conoscenza della politica alcamese: Franco Orlando, analista presso l’ospedale di Alcamo, alla presidenza dei circoli di Alcamo e Castellammare di “Noi con Salvini”. Franco Orlando è stato un salviniano della prima ora poiché ha aderito nel febbraio del 2015 al movimento leghista del vice premier e ministro dell’Interno. Franco orlando è stato candidato sindaco di Alcamo con una lista civica “Noi sud” prendendo tre mila e 400 voti. Per due mandati è stato consigliere comunale di Alcamo dove ha ricoperto anche la carica di assessore alle Attività produttive e dal 2003 al 2006 è stato consigliere provinciale. Non sta fermo l’ex sindaco Giacomo Scala, due sfortunate candidature alle regionali fallendo per una manciata di voti la scalata all’assemblea regionale. Giacomo Scala, ex Margherita, Pd e Sicilia Futura è tra i principali sostenitori del soggetto regionale che si chiama “CentrAli per la Sicilia”. “Vogliamo portare la nostra esperienza riformista – dice e  sollevare le sorti della nostra Sicilia.  Vogliamo rappresentare il territorio attraverso il dialogo e raccogliere le esigenze delle persone”. “CentrAli per la Sicilia”, federato col Movimento per le autonomie di Raffaele Lombardo con stretti rapporti con “Diventerà bellissima”, il movimento del governatore Nello Musumeci, punta ad una candidature alle prossime europee nella lista di Fratelli d’Italia. Giacomo Scala ha già raccolto un buon numerod di adesioni in provincia di Trapani. Il Partito democratico, che ha vissuto periodi d’oro e in proporzione agli elettori ad Alcamo è stato tra i partiti più votati d’Italia vive la crisi a livello nazionale ed in città da oltre 2 mila iscritti è passato a poco meno di 150.  I partiti affilano le armi per cercare di battere il M5S, che nel 2015 conquistò il Comune e alle ultime politiche ha usufruito del vento favorevole, soprattutto nel sud Italia, che ha consentito al Movimento di Grillo l’elezione di una valanga di deputati e senatori. Gli avversari dei grillini ad Alcamo, considerato anche che in consiglio comunale non c’è opposizione stanno cercando di gettare le basi per un’ampia coalizione di liste civiche, senza guardare ai colori politici, cercando un candidato unico da contrapporre al candidato grillino, che probabilmente riproporranno Domenico Surdi. Sono convinti che se non si segue il piano di contrapporre un candidato unico il M5S non potrà essere sconfitto alle elezioni comunali.