Alcamo. Scienziata battezza la figlia nella chiesa di Sant’Oliva

Aria di festa e atmosfera internazionale ieri mattina nella piazza Ciullo di Alcamo con il gruppo degli invitati che poi si è trasferito nella chiesa di Sant’Oliva. Qui don Saverio Renda ha battezzato Eleonore Villard, che compirà un anno giovedì prossimo. Eleonore è la secondogenita dello scienziato Eric Villardi e della scienziata alcamese Violette Impellizzeri.  Testimoni sono stati l’astronomo tedesco Konrad Tristram e la cugina di Violette, Chiara Raspanti. Violette e il marito fanno parte del ristrettissimo gruppo  di scienziati che studia le antichissime galassie nel deserto cileno, a 5 mila metri di altezza, dove ben 62 radiotelescopi scrutano l’universo. Violette Impellizzeri nel 2008 ha scoperto l’acqua più antica dell’universo e ciò le è valsa fama internazionale. Una cerimonia semplice in un clima prettamente familiare. Violette Impellizzeri  ha un altro figlio, un bambino di tre anni e con la sua famiglia si fermerà ancora qualche giorno ad Alcamo per poi far ritorno in Cile. Il sogno, difficile da realizzare, per Violette è quello di potere un giorno lavorare in Italia. Ama il mare di Alcamo Marina e da bambina voleva diventare archeologa o astronauta. Praticamente c’è riuscita perché con immensi telescopi viaggia nello spazio alla scoperta di nuovi mondi e tanto altro.