Alcamo: rifiuti, Comune paga i netturbini

0
423

Ancora una volta il Comune di Alcamo si sostituisce all’Aimeri ambiente e paga la mensilità ai netturbini. In questo modo viene così scongiurato ancora una volta il blocco della raccolta dei rifiuti anche se sarà da verificare anche gli altri Comuni soci come si muoveranno in tal senso e quali eventuali decisioni saranno prese dai sindacati che stanno seguendo la vertenza. Il sindaco Sebastiano Bonventre, nel corso di un vertice con tuti i Comuni soci, ha proposto di rendere permanente la delegazione di pagamento che consente ai Comuni di corrispondere direttamente gli stipendi ai dipendenti dell’Aimeri, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti in diversi territori della provincia trapanese, da Marsala sino ad Alcamo. “Questo provvedimento – ha sottolineato Bonventre – sarebbe utile nell’ottica di superare innanzitutto le criticità connesse ai ritardi nei pagamenti degli stipendi ai dipendenti da parte di Aimeri Ambiente spa”. Sempre il primo cittadino alcamese ha inoltre proposto la convocazione di un incontro per il 24 aprile prossimo ad Alcamo aperto ai sindaci, segretari comunali, sindacati, dirigenti, tecnici, Aimeri Ambiente e la nuova società di raccolta rifiuti Srr, al fine di avviare definitivamente a soluzione la questione della gestione integrata del servizio di raccolta e smaltimento dell’immondizia. Già il mese scorso il Comune aveva provveduto a stanziare le somme degli stipendi ai netturbini che operano ad Alcamo. Si tratta del sistema di pagamento in via sostitutiva, contemplato dalla legge, che dà l’opportunità ai Comuni di pagare in forma diretta fornitori e personale in sostituzione per l’appunto delle società che gestiscono il servizio di raccolta dei rifiuti. La procedura in questione prevede che la stazione appaltante si sostituisca all’Aimeri spa per il pagamento per l’appunto delle retribuzioni. Ovviamente le relative somme saranno defalcate da quanto il Comune di Alcamo deve alla società che gestisce il servizio. Una risposta che quindi è arrivata ai sindacati che avevano sollecitato il Comune di Alcamo, e tutti gli altri enti locali della provincia trapanese serviti dall’Aimeri, a fare in fretta e ad adottare il pagamento in via sostitutiva. La società gestisce il servizio, oltre che ad Alcamo, nei Comuni di Buseto Palizzolo, Calatafimi-Segesta, Castellammare del Golfo, Erice, Custonaci, Marsala, Paceco, San Vito Lo Capo e Valderice. Alla base non ci sarebbe un problema di mancati trasferimenti delle quote da parte dei Comuni, come succede in molti altri comprensori siciliani. Già in passato i liquidatori dell’Ato Trapani 1 hanno proceduto in via sostitutiva alla corresponsione delle somme dovute ai dipendenti dell’Aimeri, messi alle strette dalle mancate risposte della società lombarda alle numerose sollecitazioni per un rapida soluzione della vertenza, scongiurando così la possibilità di un’interruzione del servizio.

boutique owner or fashion designer
outlet woolrich Do You Know What Role Karma Plays In Your Life

Use colourful ribbon to make a flash impression
woolrich outletInvesting In Women’s Fashion Growth Stock