Alcamo, prezzo del pane. Si va verso l’aumento

La discussione tra i panificatori alcamesi è stata già avviata. L’obiettivo è quello di arrivare in tempi brevi, probabilmente dall’inizio del prossimo anno all’aumento anche ad Alcamo del prezzo del pane, che è fermo in città da oltre quindici anni. Già in diversi comuni della provincia il prezzo è aumentato ed ha scatenato soprattutto a Trapani accese polemiche per il rincaro ritenuto troppo alto. La polemica è in corso e sembra che a Trapani sia stato instaurato un braccio di ferro tra Comune e panificatori. Oggi ad Alcamo un chilo viene a costare due euro, ma non tutti applicano questa tariffa, Infatti alcuni lo vendono anche qualche centesimo in meno. Così come per il quartino dove in alcuni panifici costa 50 centesimi e in altri arriva sino a 70. Sul ritocco verso l’alto ci sarebbe unità di intenti, ma ancora non è stato stabilito alcun nuovo prezzo. L’aumento potrebbe variare tra le 40 e 60 centesimi al chilo. I panificatori giustificano il probabile e prossimo aumento con il fatto che negli anni è tutto aumentato: dalla manodopera ai costi per acquistare le materie per potere far il pane. La decisione di aumentare il prezzo del pane spetta ai fornai anche se poi ognuno nel proprio negozio può decidere quali tariffe applicare, anche se queste sono in moltissimi esercizi tutte uguali.