Alcamo, preoccupazione per raccolta dei rifiuti e pulizia

Al primo posto viene sempre la salvaguardia del posto di lavoro. Su questo concetto le Istituzioni a tutti i livelli debbono puntare tutte le proprie energie. Se poi un’azienda ha in organico il personale appena sufficiente per garantire servizi come la raccolta dei rifiuti e pulizia di una città, deve puntare anche sullo spirito di abnegazione dei propri dipendenti. Va aggiunto che la capacità di un’amministrazione comunale si misura con la funzionalità dei servizi. Alcamo nel recente passato è stata additata come modello per la raccolta dei rifiuti anche differenziati e pulizia tanto che Comuni viciniori del volevano venire a fare parte dell’Ato in cui figurava Alcamo. Il servizio da qualche tempo accusa falle non certo per responsabilità del personale di EnergeticaAmbiente. Personale oggi preoccupato per il proprio futuro e uguale preoccupazione debbono avere i cittadini alcamesi. Il clima è di assoluta incertezza e a breve è previsto un faccia a faccia tra amministrazione comunale, sindacalisti, azienda e personale impegnato nella pulizia di Alcamo. Dal primo marzo e cioè da lunedì prossimo una nuova ditta curerà questo delicato servizio per sei mesi come da appalto. Nelle intenzioni della nuova ditta ci sarebbe la riduzione del personale: da poco più di cento unità a 70. Ora sorge un legittimo interrogativo. Settanta persone possono garantire raccolta rifiuti e pulizia in un territorio molto vasto che in estate comprende Alcamo Marina? Pare che per il mantenimento dell’attuale organico sia stata proposta la riduzione del 20-25 per cento dell’orario di lavoro. Ma riducendo l’orario non si riduce anche il servizio? Interrogativi legittimi ai quali va data una risposta e va soprattutto garantito il mantenimento dell’attuale organico ridotto all’osso. Un organico formato da uomini e donne che non lesinano impegno per garantire pulito il volto della città di Alcamo. Un plauso al personale che già oggi di buon mattino ha provveduto alla pulizia di piazza della Repubblica e strade vicine, invase da bottiglie vuote di alcolici, coriandoli, sacchetti di plastica e tanto altro. Il Comune di Alcamo deve vigilare e impegnarsi affinché la nuova ditta garantisca i livelli di un servizio, che, ripetiamo, dimostra la capacità di una giunta comunale.