Alcamo, pista ciclabile e riti funebri. Il Deserto dei Tartari e accompagnamento breve

0
1391

Due parole con quasi lo stesso significato ma con un sottile distinguo. Con l’accompagnamento si associa la propria all’altrui presenza in segno di amicizia, cortesia rispetto. E ad Alcamo per quanto riguarda le cerimonie funebri non si parla di corteo, sfilata di persone che può essere associata a eventi civili e religiosi, ma di accompagnamento. Da alcuni giorni ad Alcamo un’originale novità messa in campo dal Comune: ovvero l’accompagnamento breve. Non più seguire il feretro sino alla via Spirito Santo, ma per un brevissimo tragitto e poi tutti in auto per raggiungere i cimiteri. La questione sta sollevando un polemico dibattito tra i fautori della tradizione e il Comune, che per motivi di traffico ha deciso di accorciare gli accompagnamenti, pare dopo avere sentito il parere dell’arciprete, ma con molti sacerdoti che non riescono a digerire questa ordinanza. Il consigliere Gino Pitò sostiene che la riduzione dei tragitti è stata causata dalla pista ciclabile. Altra nota dolente poiché la pista ciclabile ha paralizzato il traffico in viale Europa e strade limitrofe. Quindi la colpa non è solo degli accompagnamenti funebri. Che ad Alcamo si faccia abuso di auto è un dato incontrovertibile, ma si dovrebbe tenere conto della conformazione urbanistica quando si adottano delibere e si spendono soldi pubblici. Camminare a piedi o in bici fa bene alla salute e riduce l’inquinamento. Ma la pista ciclabile di Alcamo è frequentata da pochissimi. Si può inforcare solo a senso unico. Si deve fare attenzione in alcuni punti pericolosi per vitare incidenti. Sta provocando cali di vendite nelle attività commerciali soprattutto del viale Italia.Insomma la pista ciclabile è una sorta di Deserto dei Tartari, il libro di Dino Buzzati che racconta l’attesa all’interno di una fortezza per tutta la vita del tenente Giovan Battista Drogo, di vedere schiere di nemici, che quasi non arriveranno mai. Il deserto nella pista ciclabile scarsamente frequentata. Accompagnamento funebre breve e pista ciclabile, ovvero il Deserto dei tartari, oggetto di discussioni e polemiche che continueranno ancora per qualche tempo. Poi gli alcamesi si abitueranno a convivere con i disagi: pista ciclabile, e dimenticando gli accompagnamenti funebri, tradizione ultracentenaria ormai al tramonto.