Alcamo, parrocchie in festa: la comunità coinvolta tra tradizione e fede

0
484

Un momento di aggregazione collettiva, che unisce la fede. La riscoperta di antiche tradizioni, soprattutto nel preparare ricami e dolci dei quali sono vere maestre molte donne alcamesi. Per l’opportunità di insegnare alle nuove generazioni antichi mestieri. Un ruolo fondamentale per potere stare insieme ad Alcamo hanno le parrocchie che organizzano feste mettendo in campo una sana concorrenza su chi riesce meglio a predisporre il programma, che ricordiamo che prima di tutto è religioso. Le prime ad essere collocate sono le luminarie, che oggi risplendono in tre quartieri: zona Sant’Anna-Via Kennedy, San Giuseppe e San Francesco di Paola. Coinvolto oltre un quarto della popolazione alcamese e i vari comitati varano iniziative da fare concorrenza alla festa più importante, che si svolge dal 19 al 21 giugno da oltre 500 anni, dedicata a Maria Santissima dei Miracoli, patrona di Alcamo. Feste di quartiere che coinvolgono gli abitanti. Parliamo della festa di San Giuseppe Lavoratore in programma ad Alcamo dal 22 aprile al Primo maggio. Varato il programma della festa parrocchiale “Gesù Cristo Redentore”, la cui chiesa si trova nella via Kennedy di Alcamo. La festa si svolgerà da martedì 23 aprile sino a domenica 28 aprile. Da mercoledì 24 aprile la solennità di San Francesco di Paola, che durerà sino all’otto maggio. Ad Alcamo città profondamente cattolica è tutto un fiorire di manifestazioni religiose alle quali vengono affiancate attività ludiche di vario genere: dal teatro al cabaret. Dallo sport alla preparazione e degustazione di prodotti tipici. Il mese entrate si ripete una tradizione ultrasecolare: i pellegrinaggi al santuario di Maria Santissima dei Miracoli, patrona di Alcamo. Molti scendono a piedi scalzi per sciogliere un voto o chiedere una grazia. A giungo la festa della parrocchia Sacro Cuore, di sant’Antonio nella parrocchia di Santa Maria. Il 19-20 e 21 la festa della Madonna. In estate la festa nella parrocchia Cappuccini Sant’Anna. A settembre la festa della Madonna dell’Alto, nella chiesetta posta in cima al monte Bonifato. La novena dell’Immacolata riveste quest’anno una particolare importanza perché celebra i 50 anni di elevazione a parrocchia.