Alcamo Nuova sede e nuovi programmi nel Pd

0
369

L’inaugurazione della nuova sede del Partito democratico alcamese  domenica pomeriggio nella via Francesco Crispi  rappresenta il primo punto dove  avere un luogo per riunirsi. Per confrontare le idee. Per varare programmi. Insomma il tentativo della nuova e giovane classe dirigente alcamese di rilanciare un partito, il Pd è in piena crisi a livello nazionale, regionale, provinciale e locale in tutta Italia. Il saluto di Giulia Calvaruso, segretaria del Pd alcamese, di quello provinciale Marco Campagna. Previsti anche altri interventi. Il Pd alcamese cerca quindi di svegliarsi da un lungo letargo. Un risveglio ad intermittenza: l’ultimo nel mese di agosto scorso quando con un documento attaccò su vari fronti  l’amministrazione comunale, con l’impegno di continuare nelle battaglie, nei confronti democratici con i vari partiti politici. Accusò la giunta di “immobilismo”, ma subito dopo quel 9 agosto i democratici alcamesi ricaddero nel letargo. Insomma un documento agostano per dire che il Pd ad Alcamo esiste, almeno sulla carta. Un documento per occupare qualche spazio su quei mass media che pubblicano per interi i comunicati. Insomma per far capire: esistiamo.  Attenzione bisogna fare una distinzione tra comunicazione che sono le note emesse dalle istituzioni politiche per dire quanto sono belle, un momento di propaganda fatto passare per notizia. E informazione che è quella che fanno i giornalisti che vanno a cercare notizie, cosa che purtroppo oggi avviene sempre più raramente. Una comunicazione quindi quella fatta lo scorso agosto dal Pd alcamese scosso da vari problemi. Come l’abbandono del consigliere Giacomo Sucameli passato con l’ex nemico Giacomo Scala. Oggi il Pd ha un solo consigliere Filippo Cracchiolo. Oggi il Pd, ma anche gli altri partiti, fanno in consiglio comunale  opposizione fantasma. Intanto il Pd alcamese apre una nuova sede, una sezione che vuole rappresentare una fucina di iniziative. Ma sarà vero così per un Pd che oggi ad Alcamo ha meno di 200 tesserati?