Alcamo, “Mattarella-Dolci” Una classe con 35 alunni, scatta la protesta

0
1135

Pronti a marciare su Trapani per incontrare il Provveditore agli studi. Sono i genitori dei 35 alunni che frequentano la Seconda N dell’istituto Mattarella-Dolci di Alcamo. Una serie di riunioni con una precisa richiesta: quella di sdoppiare la classe poiché con un simile affollamento è impossibile la normale attività didattica. Si tratta di una classe mista che i docenti hanno difficoltà a gestire per il gran numero di alunni. La dirigente scolastica ha chiesto lo sdoppiamento della classe ma dal Provveditorato la risposta è stata negativa. Uno sdoppiamento ad inizio dell’anno scolastico inoltrato che comporterebbe l’incarico ad altri docenti.  E il comitato dei genitori afferma: “Se c’è la volontà si può fare subito. Noi vogliamo che i nostri figli possano studiare nelle migliori condizioni”. Situazione dunque di stallo mentre il fuoco continua a covare sotto la cenere e allo stato attuale non si escludono forme di protesta come lo sciopero. Tutto comunque dipenderà dalla risposta del Provveditorato non appena il comitato dei genitori si incontrerà con il dirigente provinciale. Gli alunni penalizzati sono quelli del corso agro-tecnico e di biotecnologia sanitaria costretti a stare gomito a gomito  tra loro e nello stesso tempo i docenti non possono portare avanti con serenità le loro lezioni come compiti in classe e interrogazioni. Situazione dunque difficile al Mattarella-Dolci di Alcamo, un istituto che negli anni è cresciuto grazie all’offerta formativa che consente ai ragazzi di  avere un diploma specialistico.  Numerosi i corsi e le iniziative al Mattarella-Dolci  dove spicca la rassegna “Vinolio” che si svolge nel mese di maggio e che nell’anno in corso è stata festeggiata la decima edizione. Per due giorni stand in piazza Ciullo per promuovere e far conoscere le aziende operanti nel territorio che si occupano di vino e olio i due assi portanti dell’economia dell’Alcamese e dei Comuni vicini da dove provengono numerosi alunni. Un ottimo biglietto da visita per l’istituto, diretto da quattro anni da Loana Giacalone.   E ora per continuare a svolgere serenamente l’anno scolastico viene chiesto al Provveditore di sdoppiare la Seconda N poiché con 35 alunni in una classe si lavora con notevoli difficoltà