Alcamo-L’ex calciatore Pecoraro condannato a 2 anni e 4 mesi

0
668

Due anni e 4 mesi di reclusione senza il beneficio della sospensione condizionale della pena. Inoltre dovrà pagare sei mila euro quale provvisionale alla parte lesa. Questa la sentenza di  la condanna emessa dal giudice monocratico del tribunale di Trapani nei confronti di Giovanni Pecoraro (nella foto), molto noto alla tifoseria alcamese per avere indossato la maglia bianconera e per avere svolto anche le funzioni di giocatore allenatore. Pecoraro è stato anche responsabile del settore giovanile del Palermo e allo stato attuale procuratore sportivo. La vicenda per la quale Giovanni Pecoraro è stato condannato è accaduta quattro anni fa in contrada San Gaetano di Alcamo. Pecoraro sembra che mentre stava entrando nel parcheggio di un bar rischiò di scontarsi con uno studente G:S. difeso dall’avvocato Vincenzo Catanzaro, che viaggiava a bordo di una moto in direzione Alcamo. Il giovane sarebbe tornato indietro e subito dopo ne è nata una discussione. Due le versioni dei fatti. Pecoraro ha sostenuto di avere colpito il giovane con una testata per difendersi. Il giovane ha invece sostenuto che non utilizzò il casco per colpire Giovanni Pecoraro. Il giudice monocratico ha accolto la tesi dello studente, figlio di un impiegato di banca in pensione, ed ha condannato l’ex giocatore dell’Alcamo per calunnia e lesioni, Per Pecoraro, difeso dall’avvocato Vito Di Graziano, non scatterà l’arresto perché il difensore ha preannunciato appello. Determinante ai fini dell’indagine è stata la ricostruzione dei fatti con la telecamere di un bar davanti al quale si svolse l’episodio.