Alcamo, lavori al liceo classico. Corsa contro il tempo per evitare disagi

0
195

Giovedì 12 dicembre si apre il nuovo anno scolastico e ad Alcamo il dirigente Giuseppe Allegro, il responsabile del settore scuole dell’ex provincia regionale, l’architetto Gandolfo, e la ditta appaltatrice, la Nebrodi Costruzioni di Troina, stanno facendo i salti mortali per diminuire al massimo i probabili disagi a studenti e famiglie. Lo storico edificio di via Vittorio Veneto che accoglie il liceo classico Cielo d’Alcamo, è infatti nuovamente interessato da lavori, probabilmente gli ultimi per metterlo definitivamente in sicurezza, avviati una volta tanto con un carte logica. Le opere sono partite dopo la conclusione del vecchio anno scolastico e dovrebbero terminare, secondo capitolato, il prossimo 30 di settembre. La corsa contro il tempo è per terminare gli interventi nei locali del piano terra e consegnarli quindi al dirigente scolastico che, in fretta e furia, dovrà fare effettuare il trasloco degli arredi ed accogliere proprio lì alcune classi del liceo. Altre, 4 o 5, potrebbero invece essere trasferite, ma soltanto per un paio di settimane assicurano da Trapani dal Libero Consorzio, nell’istituto che in via Kennedy ospita il liceo scientifico Giuseppe Ferro che, assieme al classico Cielo d’Alcamo, forma un unico istituto scolastico di istruzione secondaria. “Faremo di tutto per evitare i doppi turni e quindi le lezioni pomeridiane – afferma il dirigente Giuseppe Allegro – a condizione però che mi consegnino il piano terra in tempo utile”. Ovviamente la decisione su quante classi dislocare allo scientifico potrà essere assunta soltanto alla fine di questa settimana o all’inizio della prossima, a pochissimi giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico. I lavori al liceo classico di via Vittorio Veneto, composto da 17 aule, palestra, due laboratori, aula magna e uffici, ammontano a un importo di 450.000 euro e prevedono la sostituzione delle controsoffitatture del tipo Perret, pesanti e pericolose, con altre moderne e leggere, e l’installazione di illuminazione a led al posto delle vecchie plafoniere.