Alcamo Impianti sportivi, anno zero “Catella” chiuso, dirigenti e tifosi delusi

0
874

C’è una squadra di calcio destinata ad entrare nel libro dei primati. Questa squadra è l’Alba Alcamo che giocherà la partita di ritorno della gara di Coppa Italia, in programma domani sullo stesso impianto del  Cus Palermo alle 15,30. All’andata disputò la partita sullo stesso rettangolo di gioco vincendo 3 a 1. Andata e ritorno quindi sullo stesso rettangolo i gioco. Molto originale. Il motivo? Lo stadio Catella non è disponibile per vari problemi.  Così come è accaduto nel recente passato i bianconeri sono costretti a girovagare alla ricerca di uno stadio per il cui uso i dirigenti debbono fare ulteriori spese: il pagamento per usare l’impianto e le spese d sostenere  per andare fuori Alcamo.  Quel manipolo di dirigenti bianconeri, che si contano sul palmo di una mano, che con duri sacrifici cercano di tenere accesa la fiamma del calcio che ha Alcamo ha una storia prestigiosa, non nascondono l’amarezza per i ritardi da parte del Comune. Nei giorni scorsi per protesta si è dimesso il presidente bianconero, mentre la società deve fare salti mortali per la ricerca di uno stadio disponibile.  Come già lo scorso anno l’Alba Alcamo ha iniziato lontano dalle mura amiche le partite di Coppa e campionato. Un grande svantaggio che, fra l’altro, alimenta la disaffezione dei sostenitori sempre meno numerosi sui gradini del Catella, quando riapre le porte. Sostenitori bianconeri amareggiati per non potere vedere giocare l’Alba Alcamo tra le mura amiche. Spesso viene suonato il ritornello dal Palazzo di città  di  problemi legati alle passate gestioni amministrative. Ma dopo  tre anni e mezzo dalle comunali, da quel mese di giugno del 2016, occorre assumersi le responsabilità. Facile scaricare.  Apriti cielo quello che sarebbe successo con lo stadio Catella oggi chiuso qualora fosse ancora in carica quella giunta che nel 2011 approvò il progetto per un importo di 490 mila euro per costruire, i lavori sono in corso,  per l’impianto sportivo polivalente “Cento passi Peppino Impastato””, con fondi assegnati dal Pon sicurezza.  I tifosi e i dirigenti intanto  si augurano che l’Alba Alcamo possa giocare al Catella la prossima gara casalinga il prossimo 21 ottobre, guarda le coincidenze,  ancora con il Cus Palermo per la settima giornata d’andata del campionato d’Eccellenza.