Alcamo-Elezioni comunali, trattative a Palermo per alleanza Pd-Udc

0
376

 

C’è un momento di stand-by nei rappresentati dei partiti tradizionali per quanto riguarda alleanze e candidature a sindaco nel Comune di Alcamo. La situazione in questi giorni è stata presa in mano dall’assessore regionale Antonello Cracolici, principale sponsor del candidato del Pd, Vincenzo Cusumano. Lo stesso Cusumano starebbe lavorando, su input di Palermo, per incontrare  Mimmo Turano. In pratica Cracolici sta lavorando nella direzione di potere varare ad Alcamo alleanze che sono al governo regionale. L’invito di Cracolici è stato rivolto anche all’ex sindaco Giacomo Scala per formare una grande alleanza. Ma su Alcamo e i rapporti tra Pd e Udc di Turano una riflessione si impone alla luce del fatto che il coordinatore locale dei democratici è Massimo Ferrara. Ebbene è sufficiente sfogliare le relazioni semestrali dell’ex primo cittadino Ferrara, poi diventato deputato del Pd e poi ancora vice del sindaco Giacomo Scala, per verificare i giudizi sferzanti nei confronti della famiglia Turano. È vero che la politica è un continuo divenire ma se andasse in porto ad Alcamo un’alleanza tra Pd e Udc sarebbe logico un passo indietro di Ferrara, che recentemente è andato giù a muso duro contro due esponenti politici, che per venti anni lo hanno sponsorizzato determinandone le sue elezioni. E sui giudizi di Ferrara nei confronti degli ex amici, una folta delegazione del Pd alcamese si è subito dissociata. E quale è la posizione dei giovani democratici su una possibile intesa con l’Udc. Giovani che hanno ripudiato il “vecchio” del Pd.  Un’altra riflessione si impone. Come mai certi movimenti non mancano di lesinare critiche solo  nei confronti di ben precise parrocchie politiche e mai su Turano e company? Altri misteri della politica. Intanto si attendono le decisioni del Psi, articolo 4 di Ruggirello, che non si esclude che appoggi Lauria, e ancora dell’Udc, Sicilia futura e Nuova presenza. Tutto è rivolto ai risultati degli incontri palermitani. Intanto i candidati a sindaco Domenico Surdi, M5Stelle, Antonino Vallone Progetto Alcamo, Saro Lauria centrodestra, Sebastiano Dara (Abc) e Vincenzo Cusumano Pd hanno avviato incontri per mettere a punto il programma. Intanto anche fratelli contro. Il battagliero consigliere comunale Ignazio Caldarella, capeggerà la lista principale di Saro Lauria. La sorella Gina Caldarella, impegnata nel sociale con l’assistenza agli ammalati oncologici, appoggerà la lista dell’Udc. Si presenterà nel Pd per il consiglio la moglie del presidente Giuseppe Scibilia. Si presenteranno anche i figli degli ex consiglieri provinciali Salvatore Campanella e Franco Orlando per perpetuare la dinasty politica. Intanto oggi alle 19 manifestazione in piazza Ciullo di Abc, che affronterà il tema: “Quest’anno non si scherza, confronti, idee, opinioni per Alcamo. Domenica alle 11 presentazione della lista La Tua città e del candidato sindaco Alessandro Calvaruso. Nel pomeriggio ore 17 in piazza Mercato, presentazione di Domenico Surdi che corre cl Movimento 5 stelle. In via Manzoni domenica ore 18 Antonino Vallone, Progetto Alcamo, incontra gli agricoltori. Le liste per le comunali conterranno 24 candidati dove devono figurare un minimo di otto 8 donne.