Un “patto” con il capitano dei carabinieri e un confronto con il sindaco. In questo modo oggi pomeriggio si è riuscita ad evitare la tragedia nel centro storico di Alcamo dove una donna ha minacciato di gettarsi da una decina di metri di altezza. E’ accaduto in via Sant’Oliva dove la signora  di 51 anni, in preda alla disperazione per una situazione economica difficile e con uno sfratto appena notificato dal tribunale, è salita sul cornicione di una palazzina a tre piani esternando intenzioni suicide. Immediatamente è scattato l’allarme: ad intervenire i carabinieri della Compagnia cittadina, guidati dal capitano Giulio Pisani, i vigili del fuoco ed i sanitari del 118 che hanno lavorato in sinergia per evitare che la donna potesse fare sciocchezze e lanciarsi nel vuoto. In particolare il capitano Pisani ha coordinato tutte le operazioni cinturando l’area, per evitare che si potessero creare capannelli di curiosi, e disponendo un massiccio dispiegamento di forze potendo contare sui suoi uomini della Radiomobile e della stazione. E’ quindi cominciata la trattativa con il capitano che ha personalmente interloquito con la 51enne dalla strada, dal momento che si era chiusa a chiave sul terrazzo e dunque non era possibile accedervi. La donna ha quindi spiegato i motivi che l’avrebbero spinta a pensare di fare l’insano gesto: “Non ho un lavoro, ho un figlio di 16 anni a carico e ho avuto uno sfratto, domani mi tolgono la casa e non so come fare”. Dal dialogo è venuto fuori che la donna avrebbe voluto incontrare il sindaco: a quel punto Pisani ha intavolato un accordo, strappando l’impegno alla donna che sarebbe scesa e avrebbe desistito dal suo gesto se fosse avvenuto questo incontro. E’ stato così chiamato il primo cittadino, Domenico Surdi, e come promesso la 51enne è scesa confortata anche dalle sue parole e da quelle del capitano. “La donna è già conosciuta dai nostri servizi sociali – afferma Surdi – e gode di un assegno Rei, il reddito di inclusione sociale. Stiamo studiando con gli uffici come poterla ulteriormente aiutare e soprattutto come risolvere il problema della perdita della casa”. Dopo essere stata rassicurata la 51enne è stata trasportata in ospedale per effettuare degli accertamenti.

Share.
SHARE
OR
SCARICA LA NOSTRA APP