Alcamo-Dislessia, nasce una rete di assistenza

0
737

ALCAMO. Nasce ad Alcamo un’associazione per sostenere le famiglie che hanno casi di dislessia. Lunedì la prima iniziativa che si terrà proprio nella cittadina alcamese alle 9,30 al centro congressi Marconi per lanciare ufficialmente l’inizio delle attività di un organismo che punta a contrastare gli effetti distorti che può creare una patologia come la dislessia a livello sociale. In realtà l’associazione, che prende il nome di “DisLego”, ha la sua sede operativa a Palermo ma sta allargando i suoi orizzonti in provincia di Trapani dove già molte famiglie ne fanno parte. In attesa di effettuare uno studio sul territorio che vorrebbe portare a capire qual è l’incidenza percentuale di soggetti dislessici ad Alcamo, si sta partendo anzitutto con una sorta di sensibilizzazione. In questo contesto si inquadra infatti il convegno di lunedì principalmente rivolto ai docenti delle scuole dell’obbligo che, insieme alle famiglie, sono i primi a sobbarcarsi le problematiche legate a questi disturbi dell’apprendimento. Scogli certamente non facili da affrontare ma che se approcciati nel modo giusto possono essere ampiamente superati.
Proprio ad Alcamo, sulla base oltretutto di una legge nazionale del 2010, si stanno sviluppando nelle scuole dei piani personalizzati nei confronti proprio di quei bambini affetti dalla dislessia ma che vengono applicati con difficoltà più che altro per la mancanza di informazione, formazione e strumentazione adatta.
Al convegno interverrà, tra gli altri, Annamaria Pepi, Ordinario di Psicologia dell’Università di Palermo, Giovanna Mendolia, Direttore del Dipartimento di salute mentale dell’Asp di Trapani, e Gaetano Sanzeri, pedagogista e referente per il trattamento dei disturbi dell’apprendimento dell’azienda sanitaria. Quest’ultimo lavora alla Neuropsichiatria infantile di Alcamo, che si trova in via Madonna del Riposo, ed è in stretto contatto con l’associazione DisLego. Purtroppo in molti casi in famiglia e nelle scuole non ci si accorge nemmeno dei disturbi di alunni e figli.