Alcamo-Controlli dei carabinieri con posti di blocco: due arresti e due denunce

E’ di due arresti e altrettante denunce il bilancio dei controlli del fine settimana dei carabinieri di Alcamo. A finire in manette un alcamese ed un rumeno, entrambi beccati a passeggiare tranquillamente per le vie della cittadina nonostante avessero alle spalle delle ordinanze restrittive per motivi diversi. Costa cara la bravata a Dario Mannina (nella foto a destra), 21 anni, che era agli arresti domiciliari ma con l’accusa di evasione è tornato dietro le sbarre. Il giovane è stato notato ieri sera dai militari mentre transitava, a passo spedito, in una stradina del centro storico di Alcamo con un berretto di lana che gli copriva gran parte del viso. Evidentemente un espediente adottato per evitare di essere scoperto. Non è bastato però per eludere il controllo dei carabinieri che lo hanno riconosciuto ed arrestato. Il 21enne recentemente era stato arrestato perché accusato di avere estorto soldi al nonno con l’intento di comprarsi la droga. E’ finita anche la fuga di Ciprian Vajocov (a sinistra), rumeno di 32 anni, rintracciato a seguito dell’ennesimo posto di controllo. L’uomo era destinatario di un ordine di cattura emesso dal tribunale di Palmi e dovrà scontare 8 mesi di reclusione presso il carcere di Trapani. Nel corso dei pattugliamenti sono state anche appioppate due denunce entrambe per guida in stato di ebbrezza. Nella rete dei militari del Nucleo Radiomobile è caduto S.G., alcamese di 26 anni, sorpreso alla guida della sua autovettura con tasso alcolico pari a 1,35 grammi per litro. La sua patente di guida è stata ritirata e sarà processato per guida in stato di ebbrezza alcolica. Analoga sorte è toccata a S.A., ventenne di Castellammare del Golfo, sorpreso anche lui a guidare l’auto con tasso alcolico pari a 0,30 grammi per litro. Al giovane è stata comunque ritirata la patente di guida trattandosi di neopatentato.