Alcamo-Biblioteche accorpate e nuove regole per la consulta giovanile

0
405

Il nuovo modello delle biblioteche comunali non sarà ritoccato mentre si dà un nuova forma alla consulta giovanile. Questi i due temi principali toccati nella seduta di ieri sera dal consiglio comunale di Alcamo. Ad essere deliberata la modifica del regolamento che disciplina il funzionamento della consulta giovanile, organismo che a dire il vero in questi ultimi tempi sembra essere scomparso dal radar delle attività del palazzo di città. Tra le modifiche più importanti apportate anzitutto l’abbattimento del numero chiuso: le partecipazioni alla consulta sono illimitate per la fascia di giovani che vanno dai 14 ai 26 anni. Membri di diritto l’assessore alle Politiche giovanile, un consigliere di maggioranza e un altro di opposizione, oltre che i rappresentanti di istituto delle scuole superiori. Il presidente sarà eletto dai componenti dell’organismo stesso. Unico emendamento di sostanza, a parte quelli tecnici tutti approvati, quello presentato dai gruppi consiliari Abc e Alcamo cambierà in cui si impone alla consulta la presentazione di una relazione annuale delle attività dell’organismo direttamente al consiglio comunale. Con queste modifiche l’intenzione è quello di trasformare la consulta in una struttura finalmente attiva.

Unica interrogazione trattata quella presentata dall’Udc che ha messo in evidenza le diverse criticità collegate alla recente riorganizzazione delle due biblioteche comunali, cosa che ha prodotto più di qualche lamentela e polemiche che si sono spostate su un terreno politico. L’amministrazione comunale ha ribadito la bontà dell’operazione, fatta anche per evitare sovrapposizioni di servizi e costi in più come invece accaduto in passato per esempio per l’acquisto doppio di libri. Il governo cittadino ha evidenziato il solo accorpamento del patrimonio librario delle due biblioteche mentre la multimedialità sarà garantita ed anzi potenziata. I consiglieri dell’Udc invece hanno denunciato la carenza di spazi per i bambini e anche di servizi a supporto, come la connessione internet tramite wi-fi.