Alcamo-Appartamento a fuoco, un’anziana intossicata: tragedia sfiorata

Tragedia sfiorata ieri sera in una palazzina del centro storico di Alcamo. Un incendio ha rischiato di divorare un intero appartamento e di intossicare anche i residenti dei piani superiori. Solo l’arrivo tempestivo dei vigili del fuoco ha evitato che davvero questo episodio potesse trasformarsi in una strage. Il bilancio è di un’anziana intossicata e trasportata per accertamenti all’ospedale cittadino del “San Vito e Santo Spirito” e di un’altra portata in extremis in salvo, prima che il suo appartamento potesse essere divorato del fuoco. Salvo anche l’edificio dal punto di vista strutturale: i danni ammontato a qualche migliaio di euro per l’annerimento di pareti e mobilia di un appartamento e del vano scala. Sono stati davvero attimi terribili ieri sera, poco dopo le 21, quando arriva dalla sala operativa dei vigili del fuoco l’allarme al distaccamento di Alcamo per un rogo segnalato nella palazzina di via Poeta Messana che fa ad angolo con il principale corso VI Aprile. Fuoco e fumo fuoriuscivano dal vano cucina dell’appartamento al secondo piano dell’immobile al cui interno vi era un’anziana rimasta quasi inerme di fronte alla paura. Sono stati i vigili del fuoco che hanno subito provveduto, prima di ogni cosa, a prelevare la donna ed a metterla in salvo appena in tempo. Ancora qualche attimo e l’enorme fumata l’avrebbe investita e sicuramente causato anche un’intossicazione. I pompieri sono dovuti andare a soccorrere un’altra donna, residente al terzo piano in questo caso, con evidenti segni di intossicazione. In pratica la fumata aveva investito la scala ed era risalita nei piani superiori, trovando quest’altra donna impreparata e impaurita all’evento. Anche qui i vigili del fuoco hanno subito preso l’inquilina e fatta uscire dalla palazzina. Sul posto un’ambulanza del 118 che per precauzione ha trasportato l’anziana al nosocomio cittadino dove è tornata a respirare autonomamente non riportando alcuna ferita o danno. Nel contempo sempre i vigili del fuoco hanno lavorato a tamburo battente per domare le alte lingue di fuoco che fuoriuscivano dall’appartamento. Con l’ausilio dei colleghi provenienti da Trapani sono riusciti a spegnere il fuoco ed a mettere tutto in sicurezza appena in tempo, evitando quindi danni strutturali. Da un successivo controllo è stato infatti appurato che solai e pareti non hanno subito alcun danno ma le fiamme si sono limitate a danneggiare elettrodomestici e suppellettili, oltre che all’annerimento dell’intero appartamento e del vano scala. Secondo quanto accertato sempre dai vigili del fuoco l’incendio è stato di natura accidentale: è partito dal malfunzionamento di una lavastoviglie.