Alcamo: amianto, nuovo giro di vite

0
509

Nuovo giro di vite del Comune di Alcamo contro le discariche abusive pericolose. Dopo una prima task force dello scorso ottobre, ora si riparte con altre bonifiche che riguarderanno in particolare le periferie. Il Settore Ambiente ha provveduto ad assegnare alla ditta balistreri di Carini l’appalto per il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti in amianto o contenenti amianto abbandonati all’interno del territorio comunale. Preleverà e smaltirà il materiale pericoloso a un euro e 30 centesimi al chilo, per effetto del ribasso del 47 per cento proposto a base d’asta. Alla fine dello scorso anno furono stanziati altri 40 mila euro complessivi per la bonifica delle prime discariche. Somme extra-budget rispetto al capitolo inerente la raccolta rifiuti, per bonificare proprio le discariche abusive. Se non tutte almeno alcune tra quelle più pericolose. Prioritariamente si è intervenuto nella discarica segnalata in via Giovanni Verga, in prossimità dell’accesso alla palestra comunale, dove sono stati abbandonati pericolosissimi recipienti in eternit. Con la somma a disposizione si sono poi andati a bonificare altri siti sensibili. Tra le situazioni più pericolose segnalate dal Comune in questi giorni c’è la via Pietro Lombardo, dove sono stati abbandonati non solo rifiuti pericolosi ma anche ingombranti, come materassi, scaldabagni ed altro ancora. La presa di posizione del Comune scaturisce a seguito delle diverse segnalazioni relative all’abbandono di rifiuti contenenti amianto sul territorio comunale: “L’abbandono di questi rifiuti – sostiene il funzionario delegato del Settore Ambiente, Elena Ciacio – desta non poche preoccupazioni nella cittadinanza, perché in alcuni casi si tratta di rifiuti vicini a scuole, uffici o abitazioni”. Secondo il Settore è opportuno intervenire tempestivamente per la rimozione dell’eternit e di tutti gli altri rifiuti della stessa tipologia abbandonati sul territorio comunale. Interventi del genere sono stati gestiti nel recente passato tramite l’Ato Trapani “Terra dei Fenici” spa in liquidazione come servizio aggiuntivo a quelli base offerti dal soggetto gestore della raccolta dei rifiuti. Il Comune ha preferito agire in autonomia per accelerare i tempi di intervento: “E’ opportuno, per ragioni di celerità, – sottolinea la Ciacio – l’urgenza di intervenire, agire in autonomia affidando direttamente il servizio a ditta abilitata, in attesa che si concluda il passaggio di competenze sopra delineato”. Le polveri contenenti fibre d’amianto, respirate, possono causare gravi patologie, l’asbestosi per importanti esposizioni, tumori della pleura e il carcinoma polmonare. Una fibra di amianto è mille e 300 volte più sottile di un capello umano. Non esiste una soglia di rischio al di sotto della quale la concentrazione di fibre di amianto nell’aria non sia pericolosa: un’esposizione prolungata nel tempo o ad elevate quantità aumenta esponenzialmente le probabilità di contrarle.