Al via i vaccini per gli ultra ottantenni in Sicilia

Cominciate sabato in Sicilia le somministrazioni per i 123 mila ultraottantenni che si sono prenotati tramite la piattaforma di Poste. Per docenti e forze dell’ordine fra 18 e 55 anni le somministrazioni sono già partite da tre giorni. Ecco una guida a domanda e risposta per fugare i dubbi più comuni. Ma come si prenota il vaccino? La prima dose si prenota online all’indirizzo www.prenotazioni.vaccinocovid.gov.

Al link si può accedere anche tramite il portale siciliacoronavirus.it o dai siti di Asp e ospedali. C’è anche un numero verde attivo dalle 9 alle 18, dal lunedì al venerdì: 800009966. Ci si potrà prenotare nel centro vaccinale più vicino casa in base alla disponibilità. Le agende di marzo e aprile della maggioranza dei centri sono già piene e non è più possibile prendere l’appuntamento. Si aspetta l’arrivo delle nuove forniture per riaprire le prenotazioni. L’appuntamento per la seconda dose viene fissato direttamente dal centro vaccinale al momento della prima somministrazione. È possibile prenotare il vaccino a domicilio. I settantenni saranno vaccinati da aprile in poi. Ma prima toccherà ai soggetti «estremamente vulnerabili» per particolari patologie, indipendentemente dall’età. Seguono le persone tra 75 e 79 anni, poi tra 70 e 74 anni.

I sessantenni saranno vaccinati nel secondo trimestre, dopo disabili, settantenni e persone con rischio clinico dai 16 ai 69 anni. Si partirà da persone tra 55 e 69 anni in condizioni che aumentano il rischio e infine a persone tra 18 e 54 anni senza aumentato rischio clinico. In Sicilia sono oltre 60 al momento i centri vaccinali autorizzati. Dopo il vaccino posso togliere la mascherina? No. Dopo la seconda dose, si arriva a una copertura fino al 95 per cento contro la malattia ma è ancora possibile contrarre l’infezione ed essere contagiosi. Anche dopo il richiamo è necessario mantenere le misure di sicurezza. Il vaccino è fornito dal servizio sanitario nazionale e non è acquistabile in farmacia.