Aimeri, di nuovo allarme scioperi

0
559

Tornano a protestare i dipendenti dell’Aimeri Ambiente. E si prospetta, ancora una volta, la possibilità che l’Ato TP1 intervenga in via sostitutiva rispetto all’Aimeri nel pagamento della mensilità di dicembre.

L’Aimeri, infatti, ha comunicato all’Ato, con un’apposita nota, che il pagamento avverrà con qualche giorno di ritardo per “problematiche procedurali non dipendenti dall’Azienda”.

In vista, però, dello sciopero già indetto dalle organizzazioni sindacali per oggi, l’Ato “Terra dei Fenici”, proprio per scongiurare i disservizi che potrebbero verificarsi a seguito delle decisioni adottate dai dipendenti, ha comunicato all’Aimeri che attenderà fino a domani, venerdì 18 gennaio. Se entro questa data la società lombarda non avrà pagato la mensilità di dicembre ai lavoratori, la stazione appaltante interverrà ancora una volta in surroga, così come già avvenuto per il pagamento degli stipendi di novembre e delle tredicesime.

Nel frattempo i liquidatori dell’Ato hanno convocato a Trapani i sindacati – Fp Cgil, Filt Cisl e Uil Trasporti – ai quali hanno illustrato la situazione, rassicurandoli sul fatto che, in ogni caso, i dipendenti dell’Aimeri potranno ricevere regolarmente la mensilità di dicembre.

I commissari liquidatori hanno anche informato la prefettura di Trapani e i Comuni che rientrano nell’Ato TP1, allo scopo di allertarli sulla possibilità di disagi per la comunità qualora, nonostante l’impegno della società “Terra dei Fenici”, lo sciopero di oggi dovesse portare a una sospensione del servizio di raccolta differenziata.