Abusivismo edilizio. No alla sanatoria a 150 metri dalla costa

Per soli due voti, l’Assemblea regionale  siciliana ha respinto un emendamento, presentato dal deputato Giorgio Assenza (Diventerà Bellissima) che prevedeva la sanatoria degli immobili abusivi costruiti entro i 150 metri dalla costa e che non avevano potuto beneficiare della sanatoria nazionale dell’85. Il testo è stato bocciato con 24 voti contrari, 22 i favorevoli.

Contro l’emendamento si era espresso il governo Musumeci (Diventerà Bellissima è il movimento fondato proprio dal governatore), mentre la commissione Ambiente, presieduta da Giusy Savarino di Db, si era rimessa all’aula.

 Dopo la bocciatura della norma, Gianfranco Miccichè, che si era espresso a favore per sanare una questione che riguarda circa 400 mila persone e sottolineando che non sarebbe stata aperta alcuna nuova maglia ma si sarebbe chiuso un capitolo contradditorio. Intanto il deputato e segretario regionale del Pd Sicilia Antony Barbagallo che ha dichiarato l’astensione dal voto finale della legge commenta: “Con il voto segreto, tanto disprezzato da Musumeci e però richiesto dalla sua maggioranza, viene bocciato l’articolo che prevedeva una vergognosa sanatoria per gli immobili costruiti entro 150 metri dalla costa. Una norma controversa a cui, a parole il governo si è detto contrario, che per fortuna l’Aula ha bocciato”.