Abusivismo, disposta demolizione di un immobile ad Alcamo Marina

0
131

E’ l’ennesima ordinanza per abbattere un immobile abusivo molto probabilmente destinato a rimanere sulla carta perchè tra ricorsi e controricorsi fino ad oggi ad Alcamo è stata demolita qualche veranda. O qualche proprietario ha bloccato sul nascere la realizzazione di una casa abusiva dopo i controlli della polizia municipale. L’immobile da demolire si trova in contrada Canalotto ad Alcamo Marina. Lo ha deciso il Comune con un’ordinanza del dirigente della Pianificazione urbanistica. Il provvedimento scaturisce da un sopralluogo della polizia municipale che ha accertato l’abuso edilizio ma anche altre violazioni ambientali della struttura.

Va sottolineato che l’abusivismo edilizio, iniziato verso la fine egli anni sessanta, ha avuto una della massime espansioni lungo le sponde del torrente Canalotto e violentato tutta la località balneare: colline e aree pianeggiati. Si trema ad ogni violento temporale e la frana sulla Collina del disonore, di fronte quasi all’ex fermata del treno, è l’ennesima prova dello scempio compiuto in violazione alle più elementari norme urbanistiche mentre le autorità guardavano da altre parti.

L’immobile da abbattere è di proprietà di una donna ed è composto da piano scantinato, piano terra, primo piano e secondo piano con copertura a falde inclinate. In particolare un muro di contenimento in cemento armato restringerebbe di circa un metro l’alveo del torrente Canalotto. L’immobile  è disabitato ed in pessime condizioni statiche e igieniche e quindi forse questa volta si procederà con le ruspe.

Una parte del fabbricato e del terreno si trova entro la fascia dei 10 metri dal torrente Canalotto.  Il comune di Alcamo, nell’ aprile di due anni fa ha indetto una gara d’appalto per l’assegnazione del servizio di demolizione degli edifici abusivi. In passato a questo tipo di gare non si presentava nessuna ditta.