44 anni fa la mafia uccideva Mario Francese. Commemorazione questa mattina a Palermo

0
97

Il 26 gennaio del 1979 la mafia uccideva a Palermo, il cronista del giornale di Sicilia, Mario Francese. Giornalista d’inchiesta, penna importante e prestigiosa, fu proprio lui a raccontare, grazie al suo lavoro giornalistico e meticoloso, i retroscena di quella che oggi non è altro che storia. Le sue inchieste, sull’avanzamento del clan dei corleonesi nel capoluogo isolano, gli furono fatali. Mario Francese venne assassinato a colpi di pistola mentre stava tornando a casa in viale Campania. A distanza di quarantaquattro anni, lì dove fu ucciso, questa mattina a Palermo si è svolta la manifestazione per commemorare  il cronista ammazzato dalla mafia. Presenti, tra gli altri, oltre al figlio e giornalista, Giulio Francese, anche il segretario regionale Assostampa  Giuseppe Rizzuto,  Tiziana Tavella presidente Associazione Siciliana della Stampa, l’assessore alla cultura del comune di Palermo Gianpiero Cannella, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Roberto Gueli e il vicepresidente, Salvatore Li Castri.