Violenza sessuale aggravata su un dodicenne

0
488

Gli agenti della Squadra Mobile di Trapani hanno eseguito ieri un’ordinanza applicativa degli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Marsala Parrinello, su richiesta del Sost. Proc. della Repubblica D’Alessandro, nei confronti di un uomo indagato per il reato di violenza sessuale aggravata in danno di un minore, all’epoca dei fatti dodicenne.

 

Le indagini della III Sezione -Reati contro la persona in pregiudizio di minori e reati sessuali- della Squadra Mobile, erano scattate in seguito ad una segnalazione pervenuta lo scorso anno al “telefono azzurro”.

Dopo la segnalazione, gli inquirenti avrebbero accertato lo stato di profonda sofferenza e malessere di un ragazzino di appena dodici anni, vittima incolpevole delle attenzioni morbose di un amico di famiglia, che sfruttando la frequentazione, in più occasioni aveva approfittato ignobilmente dei momenti in cui era rimasto da solo con il bambino.

Dalle ricerche è emerso anche che l’uomo era stato già condannato con sentenza della Corte di Appello di Milano divenuta irrevocabile per il delitto di violenza sessuale nei confronti di un minore di dieci anni.

Successivamente si era trasferito in un istituto religioso in Abruzzo, in cui  aveva preso i voti di Frate, e dove è stato tratto in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari dalla Squadra Mobile dell’Aquila.