Una arresto e tre denunce a Marsala

Week-end intenso per i Carabinieri della Compagnia di Marsala, per i controlli straordinari del territorio effettuati su disposizione del Comando Provinciale di Trapani.

Grazie ai numerosi posti di controllo con l’utilizzo dei pre-test e dell’etilometro, sono state denunciate tre persone.

Due marsalesi, uno incensurato di 28 anni e un 53enne con precedenti di polizia, sono stati sorpresi da una gazzellaalla guida delle proprie motoape, prive di copertura assicurativa e senza il previsto certificato abilitativo. I militari, dapprima insospettiti dall’andatura dei mezzi e poi dall’atteggiamento dei due durante il controllo, hanno proceduto alla perquisizione personale e veicolare che ha portato al rinvenimento di circa 4700 ricci di mare. Gli esemplari, ancora vivi, sono stati rigettati in mare, mentre per i due marsalesi sono scattate sanzioni amministrative per diverse migliaia di euro, oltre al sequestro amministrativo dei due veicoli. Sempre nel corso di tali controlli un 19enne marsalese incensurato è stato denunciato perché sorpreso alla guida del proprio ciclomotore senza il previsto certificato di idoneità, mai conseguito.

I carabinieri, inoltre, in attuazione di un ordine di esecuzione emesso dalla Corte di Appello di Messina, hanno arrestato il 43enne messinese Antonio La Rosa, che si trovava ai domiciliari presso la Comunità F.A.R.O. di contrada Rakalia, per spaccio di sostanza stupefacente, in seguito al ripristino della misura cautelare in carcere.

Infine P.G.D., 39enne marsalese è stato segnalato alla Prefettura di Trapani per il possesso di una modica quantità di marijuana, rinvenuta in seguito ad una perquisizione personale, e sottoposta a sequestro amministrativo.

(Nella foto: Antonio La Rosa)