Trapani-Operazione Safety Car, tre giorni di controlli a tappeto

0
272

safety carConclusa l’operazione “Safety Car” della Polizia di Stato che ha coinvolto tutto il territorio nazionale nel contrasto al fenomeno dei furti e delle rapine ai danni di auto, motoveicoli ed autocarri. Coordinata dal Servizio Controllo del Territorio della Direzione Centrale Anticrimine, si è sviluppata in tre giornate consecutive, con il concorso di tutte le 103 Questure sul territorio nazionale ed il supporto dei nuclei dei Reparti Prevenzione Crimine, del personale della Polizia Stradale e di quello della Polizia di Frontiera negli ambiti di specifica competenza, con l’impiego di complessivi 2.012 equipaggi giornalieri pari a 4.500 dipendenti. Anche la Questura di Trapani dal 20 al 23 giugno è stata impegnata nell’operazione ad alto impatto, che ha visto operare congiuntamente, sull’intera provincia, l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico del capoluogo e i cinque Commissariati di P.S. di Alcamo, Castellammare del Golfo, Marsala, Mazara del Vallo e Castelvetrano, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine di Palermo, inviato di rinforzo in questa Provincia, su indicazioni del Questore di Trapani. Il bilancio dell’operazione straordinaria di controllo del territorio è di: oltre 800 persone identificate; circa 500 mezzi fra auto, ciclomotori e autocarri controllati con il classico controllo fisico degli occupanti e degli stessi mezzi, di cui 5 risultati rubati e riconsegnati ai legittimi proprietari; ben 22.843 le targhe analizzate mediante il lettore automatico dell’innovativo ed efficace sistema di bordo “Mercurio”. L’operazione si è anche dimostrata un’utile occasione per controllare il rispetto delle norme del Codice della Strada da parte di chi era al volante: sono state, infatti, elevate 40 contravvenzioni ed effettuati 4 tra sequestri e fermi amministrativi, con particolare attenzione alla norma che impone l’uso del casco per i conducenti di veicoli a due ruote.