Trapani – Oggi l’Influ-Day, per promuovere la vaccinazione antinfluenzale

 

Anche l’Azienda Sanitaria provinciale di Trapani si mobilita per l’“Influ-day 2017”, giornata di sensibilizzazione alla vaccinazione antinfluenzale promossa dall’assessorato regionale alla Salute. Una trentina i punti vaccinazione sparsi per i comuni della provincia, mentre il camper mobile dell’ASP sosta a Trapani nella centrale piazza Stazione. Quest’anno, oltre gli ambulatori vaccinali distrettuali, sono state individuate anche le hall degli ospedali della provincia, dove sono allestiti per questa giornata degli infopoint, dove è stato possibile anche vaccinarsi in mattinata. La vaccinazione antiinfluenzale è gratuita per chi abbia compiuto 64 anni, per i soggetti a rischio, come coloro che soffrono di patologie croniche, donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza, e per tutte le categorie di lavoratori addetti a servizi di pubblica utilità quali forze dell’ordine, insegnanti, front office di uffici pubblici ed il personale dipendente dell’ASP. Quest’anno la vaccinazione è partita il 6 novembre, con un paio di settimane in ritardo rispetto all’anno scorso e sarà possibile fino al 31 gennaio. In considerazione del clima di quest’ultimo periodo si è infatti deciso di posticipare di qualche giorno l’avvio rispetto al passato. L’influenza, malattia ricorrente in ogni stagione invernale, e dall’andamento imprevedibile, impegna importanti risorse del Servizio sanitario regionale. Gli obiettivi della campagna sono quelli di ridurre il rischio individuale di malattia, ospedalizzazione e morte, ma anche di limitare i costi sociali connessi con morbosità e mortalità. “Dobbiamo mettere in atto tutte le iniziative per l’offerta attiva della vaccinazione– ha spiegato il commissario dell’ASP di Trapani Giovanni Bavetta – e non solo verso tutte le categorie a rischio, perché l’opportunità della prevenzione della salute, personale e collettiva, attraverso la vaccinazione antinfluenzale va colta da tutti i cittadini”. In co-somministrazione con il vaccino antinfluenzale è offerta anche una dose di vaccino anti-pneumococcico, perché la affezioni all’apparato respiratorio possono portare a complicanze come la polmonite e la broncopolmonite. Per promuovere la vaccinazione sono anche state affisse le locandine e distribuiti depliant informativi in tutti gli ambulatori dei medici di famiglia e dei pediatri di libera scelta e in tutti i presidi sanitari aziendali e convenzionati della provincia, dove può essere effettuata la somministrazione del vaccino.