Trapani: nuova vasca per la discarica di c/da Borranea, ma il sindaco dice no ai rifiuti di altri comuni

0
250

 

Sono stati ultimati i lavori presso la discarica di contrada Borranea per la realizzazione di una ulteriore vasca che potrà ricevere circa 265.000 metri cubi di rifiuti solidi urbani. Il sindaco di Trapani Vito Damiano ha già effettuato un sopralluogo, insieme all’assessore Licata e all’amministratore delegato della Trapani Servizi. I lavori, autorizzati dalla Regione Siciliana nel settembre dell’anno scorso, sono durati circa 10 mesi subendo qualche ritardo per le intense piogge che hanno caratterizzato l’ultimo scorcio della stagione estiva. L’enorme invaso, nel quale sono stati anche realizzati impianti per il drenaggio del percolato e la captazione del biogas, ha comportato costi di realizzazione per circa 2 milioni di euro, in gran parte sostenuti dalla Società partecipata che ha impiegato propri mezzi e personale per l’esecuzione dei lavori. “Se da un lato non posso che essere soddisfatto dell’opera realizzata – ha affermato il Damiano – dall’altro sono fortemente preoccupato per le decisioni che la Regione si accinge ad adottare. Ci attendiamo, infatti, la solita ordinanza del Presidente Crocetta che autorizzerà gran parte dei Comuni della Sicilia occidentale a conferire i propri rifiuti nella nostra discarica che, voglio sottolineare, se utilizzata solo per le esigenze di Trapani avrebbe avuto una vita di più di sei anni. Il provvedimento che si accinge ad emettere la Regione porterà all’esaurimento della vasca in 18-20 mesi, quindi maggio-luglio 2017. Ci opporremo – annuncia il primo cittadino di Trapani – con ogni legittimo strumento a questa assurda prevaricazione della Regione che, evidentemente, mira a distribuire equamente fra i comuni il disagio e i disservizi che la stessa Regione non è stata capace di risolvere nel tempo con una politica seria e lungimirante”.