Trapani, mancato pagamento ammortizzatori sociali: sit- in di protesta

“In provincia di Trapani centinaia di famiglie sono senza lavoro e senza alcun reddito”. A denunciarlo sono la Cgil, la Cisl e la Uil che ieri hanno tenuto un sit in di protesta dei lavoratori dell’edilizia, dell’industria e del commercio dinnanzi il Palazzo del Governo. Alla base della protesta ci sono i mancati pagamenti degli ammortizzatori sociali in deroga del 2014 e del 2015. In particolare a dover essere liquidate sono le somme relative alle 300 domande presentate a partire da maggio del 2014 e alle 900 presentate da gennaio del 2015 a oggi. Dopo gli annunci dei giorni scorsi dell’assessore regionale del Lavoro Caruso, che aveva garantito il pagamento delle somme del 2014 entro giugno, ancora non vi è stato alcuno sblocco delle pratiche tant’è che l’Inps che non ha ancora ricevuto dalla Regione i fondi e di conseguenza l’Ufficio provinciale del lavoro non ha elaborato i decreti. I sindacalisti Franco Colomba, Francesco Lo Sciuto e Tommaso Macaddino, rispettivamente di Cgil Cisl Uil, hanno incontrato il prefetto Leopoldo Falco a cui hanno delineato la condizione di disagio patita da centinaia di famiglie del trapanese che hanno perso il lavoro e non hanno più alcun sostegno al reddito. Al prefetto hanno chiesto di farsi carico di questo disagio e di riportare all’Assessorato regionale del Lavoro l’esigenza di accelerare i tempi per i pagamenti dell’indennità. Disponibilità è stata espressa da Falco, il quale ha assicurato il proprio intervento. I sindacalisti hanno annunciato che se i lavoratori non otterranno risposte positive saranno organizzate altre manifestazioni di protesta.