Trapani-Furti in serie: un arresto e una denuncia

0
445

 

Un arresto eseguito dalla sezione Reati contro il Patrimonio della Polizia di Stato di Trapani. A finire in manette Andrea Caltagirone, 36 anni, di Erice San Giuliano, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti, che dovrà scontare la reclusione di due anni e due mesi, per una serie di furti sia ai danni di privati, in abitazioni ed esercizi commerciali, che presso strutture pubbliche di Trapani ed Erice. Tra i vari episodi che gli sono contestati quello di un “colpo” ad un supermercato in una strada del centro, dove era stato sorpreso a rubare; in varie altre occasioni era stato, invece, denunciato per aver trafugato cavi di rame e materiale ferroso da aziende private e da enti come le Ferrovie e l’Azienda sanitaria. L’uomo è stato condotto presso la casa circondariale di San Giuliano. Gli stessi investigatori hanno denunciato a piede libero una giovane, B.A. incensurata di Trapani, 25 anni, colta in flagranza di furto aggravato ai danni di un centro di analisi del capoluogo. È stata fermata durante la notte, proprio mentre usciva dal centro clinico dove aveva appena trafugato la somma di 150 euro. Non era la prima volta: la ragazza ha confessato agli agenti di aver già rubato in precedenza e in più occasioni allo stesso laboratorio di analisi, dove aveva prestato servizio come addetta alle pulizie, raggiungendo la somma di circa ottomila euro. L’essere incensurata e madre di una bambina di pochi anni le ha evitato il carcere, ma è stata deferita alla Procura della Repubblica di Trapani: dovrà rispondere del reato di furto aggravato.