Trapani: allerta incendi, sos protezione civile

0
485

L’estate ha tardato ad arrivare anche in provincia di Trapani ma da oggi sembra che ufficialmente la stagione caldissima sia entrata prepotentemente. E’ il messaggio della Protezione civile regionale a fare capire che il clima mite oramai ha abbandonato il trapanese. E’ stato infatti lanciato l’allarme proprio per la giornata di oggi di elevato rischio di incendi, con pericolosità media, che ovviamente significa anche rischio per la salute dell’uomo. E’ il bollettino del dipartimento regionale di Protezione Civile che mette in uno stato di preallerta il territorio trapanese. E’ stato quindi dato mandato a protezione civile, Comuni, vigili del fuoco, forze dell’ordine e prefettura di Trapani ad attivare i proprio Piani di emergenza. In particolare si sollecitano i sindaci della provincia trapanese ad attivare le procedure del proprio Piano, sia per il rischio d’incendi sia per il rischio di ondate di calore. Il livello medio sta a significare che sono previste temperature elevate e condizioni metereologiche a rischio che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione a rischio. Tra questi rientrano le persone anziane, i neonati e i bambini, ed ancora le persone con malattie croniche, con disturbi psichici, con ridotta mobilità e non autosufficienti, coloro i quali assumono regolarmente farmaci o che fanno uso di alcol e droghe, anche giovani che fanno esercizio fisico o svolgono un lavoro intenso all’aria aperta ed infine le persone con condizioni socio-economiche disagiate. Secondo al protezione civile alcune condizioni abitative (come ad esempio scarsa ventilazione o assenza di aria condizionata) possono causare disagio ed effetti dannosi sulla salute delle persone più a rischio. Questo è vero particolarmente nelle grandi città dove, per una serie di caratteristiche (superfici asfaltate, cemento degli edifici, scarsità di copertura vegetale), la temperatura, sia in estate che in inverno, è più alta rispetto alle zone rurali vicine. Gli effetti del caldo possono inoltre essere più gravi per la presenza di elevate concentrazioni di inquinanti atmosferici. A preoccupare sono anche le aree boschive di cui la provincia di Trapani è molto ricca e che proprio per questo è considerata una delle province siciliane più a rischio di gravi incendi. Tra tutti spicca la vastissima zona della riserva dello Zingaro, o ancora Monte Bonifato o il Monte Erice. Si tratta di tre zone boschive che già di recente sono state distrutte dalle fiamme e sono state fortemente ridimensionate a livello di patrimonio del verde. Di conseguenza c’è una certa preoccupazione anche per le abitazioni vicine, più di una volta lambite dalle fiamme ed evacuate nelle scorse estati.