“Trama, Tessuti d’Amore”, copertine per bimbi e donne di Lampedusa

Ai ferri, all’uncinetto o cucite: sono le copertine donate all’Hotspot di Lampedusa condotto dagli operatori della cooperativa sociale “Badia Grande” nell’ambito del progetto di solidarietà “Trama, Tessuti d’Amore”.

L’iniziativa è dedicata ai bambini, alle madri e alle giovani donne in gravidanza che hanno attraversato il Mediterraneo in cerca di un domani, un futuro migliore per sé stesse e per i propri figli. Il progetto, nato per caso a Lampedusa durante una vacanza, coinvolge oggi decine di donne di tutta Italia che si prodigano per donare una copertina, simbolo di protezione e di calore, ai piccoli di Lampedusa. “Abbiamo creato una rete di donne con la passione per il cucito per i lavori a maglia con i ferri o con l’uncinetto – ha dichiarato Ornella Pasquinelli, ideatrice del progetto “Trama Tessuti d’Amore” -. Eravamo sull’Isola per una vacanza, ma la nostra attenzione di persone che da decenni operano nel sociale veniva attirata dal “tam tam” dei mass media che annunciavano l’arrivo di barconi e di navi delle ONG piene di immigrati, bisognosi di cure, assistenza ed attenzioni”. L’iniziativa solidale, grazie all’intercessione di un agente di Polizia che ha fatto da collante tra le varie donna impegnato nel progetto, è diventata il simbolo della solidarietà e dell’accoglienza, un importante segnale di calore umano. Sono già 40 le copertine consegnate di lana o di cotone, lavorate a maglia con i ferri, con l’uncinetto o cucite insieme a vari peluche e poncho per i bimbi ed altrettante copertine sarebbero già pronte per essere spedite.