Stanziati 4 mln al Gal Golfo di Castellammare, riparte l’attività

0
453

Il Gal Golfo di Castellammare si rimette in moto. La Regione ieri ha emesso il decreto di finanziamento per la nuova programmazione dei fondi europei 2014-2020. Ora i tempi tecnici per incassare una prima tranche di fondi in conto anticipo e tra circa un mese potranno ripartire le attività della nuova programmazione: al Gal del Golfo di Castellammare, che abbraccia i Comuni di Alcamo, Balestrate, Borgetto, Cinisi, Partinico, Terrasini e Trappeto, vanno quasi 4 milioni di euro. Soldi che serviranno nello specifico a una determinata progettazione: sostegno a creazione o sviluppo imprese extra agricole nei settori commercio-artigianale-turistico-servizi-innovazione tecnologica; sostegno ad investimenti di fruizione pubblica in infrastrutture ricettive, informazioni turistiche; investimenti relativi alla manutenzione, restauro e riqualificazione del patrimonio culturale e naturale; ed infine sostegno ad investimenti nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico. “Sono delle misure – afferma il sindaco di Balestrate, Vito Rizzo – molto attese, sia per gli enti locali che per le associazioni e le piccole e medie imprese per poter realizzare importanti investimenti in settori ritenuti strategici, come il turismo e l’efficientamento energetico. Il Gal del Golfo di Castellammare è una società consortile a responsabilità limitata nata allo scopo di favorire lo sviluppo locale delle aree rurali del territorio. Il territorio di questo gruppo di azione locale opera su una superficie di 327 chilometri quadrati ed una popolazione di 116 abitanti all’incirca. Del Gal fanno parte oltre ai 7 Comuni del Golfo di Castellammare anche soggetti economici, associazioni ed organizzazioni professionali. Nella scorsa programmazione tante le opere pubbliche realizzate nel territorio e le pubblicazioni di libri e progetti; ad Alcamo il segno è stato lasciato con i restauri della Cuba delle rose del Castello di Calatubo e la fontana araba. Qualche perplessità invece è rimasta rispetto invece ai finanziamenti dei mercati del contadino, opere che non sono mai decollate a Partinico, Balestrate e Trappeto; ad Alcamo addirittura non è mai partito. Rifinanziato anche il Gal Elimos di cui fanno parte anche i Comuni di Castellammare del Golfo e Calatafimi che ha ottenuto 4 milioni e 600 mila euro.