Spazio di ascolto e sostegno psicologico, l’aiuto in tempo di covid

Il coronavirus a un anno dalla sua scoperta, ha cambiato le nostre abitudini, ha aumentato le preoccupazioni e ansie. Proprio per questo motivo sono nate gruppi di ascolto psicologico telefonico, per aiutare chi ha necessità di parlare con uno psicologo o psicoterapeuta e superare questo momento difficile. Grazie al progetto “Io resto in ascolto” istituito dalla Caritas diocesana e la Fondazione San Vito Onlus come misura straordinaria in questo tempo di Covid, grazie ai fondi dell’8×1000 destinati alla carità.

Al numero di telefono 3286377517 nesso a disposizione rispondono psicologi e psicoterapeuti per offrire ascolto e sostegno per particolari difficoltà che alcune persone stanno vivendo per l’emergenza pandemica. Il servizio è attivo il lunedì, dalle 15,30 alle 17,30, il martedì, dalle 10 alle 12 e il giovedì, dalle 15,30 alle 17,30. Il progetto “Io resto in ascolto” si inserisce nell’ambito degli interventi che Caritas diocesana-Fondazione San Vito Onlus hanno messo in campo in questo tempo così difficile per tutti. Non solo supporto psicologico ma anche il progetto “Tendi la mano al povero”.  Da un anno, infatti, è attiva una distribuzione straordinaria di beni di prima necessità. Operativamente, tenendo conto delle esigenze dei vari territori, sono state avviate diverse modalità di intervento, attraverso le Caritas parrocchiali, la Caritas diocesana, la Fondazione “San Vito Onlus” e l’Opera di Religione “Monsignor Gioacchino Di Leo” di Mazara del Vallo. Gli interventi comprendono la distribuzione di alimenti, di prodotti per la pulizia, il pagamento di utenze. In casi straordinari vengono finanziate rate di affitto di abitazione con contratto regolare registrato e l’effettuazione di tamponi rapidi e solidali. Non è mancata la fornitura di materiale didattico per gli studenti e la distribuzione di materiale anti Covid-19.