Spara a bambino con carabina ad aria compressa

0
296

Da poco tempo nel comune di Poggioreale è stato inaugurato il nuovo parco giochi per bambini, che richiama quotidianamente molti ragazzini, che trascorrono il pomeriggio saltando e correndo.

Ma tutto ciò non è piaciuto a L.M., 33 anni, che forse disturbato dalle risate dei bambini, ha deciso di imbracciare la propria carabina ad aria compressa, caricarla con pallini di plastica e fare fuoco.

A far le spese dell’assurdo gesto è stato un bambino di 11 anni, reo solo di giocare in uno spazio a lui dedicato. L’uomo, con la mira di un cecchino, ha sparato alcuni pallini di plastica dura sul volto del piccolo, procurandogli, fortunatamente, solo varie ferite da taglio e lividi sul volto e nel collo, in quanto ben più gravi sarebbero potute essere le conseguenze di questo gesto.

Fortunatamente nelle immediate vicinanze si trovava una pattuglia dei Carabinieri che, udite le grida del piccolo, lo ha subito soccorso individuando anche l’autore del gesto. La ricostruzione fatta dai militari ha  chiarito che L.M. aveva sparato da una finestra della sua abitazione che dava sul parco.

In seguito alla perquisizione, i militari hanno rinvenuto anche una serie di pallini di plastica modificati con l’inserimento di spilli per aumentarne la potenza offensiva, che sono stati sottoposti a sequestro.

Arrestato per lesioni personali con utilizzo di oggetti atti ad offendere, il giovane si è visto convalidare l’arresto dal giudice di Marsala ed è tornato in libertà.