Senza contagi da quasi due settimane, Alcamo e Castellammare rifiatano

Da circa due settimane Alcamo e Castellammare del Golfo non registrano più alcun novo contagio. Fra l’altro nella cittadina castellammarese non ci sono più pazienti positivi. Quelli che lo erano si sono negativizzati, anche la coppia che geograficamente viveva in territorio alcamese, vicino al confine, ma che frequentava e operava nella cittadina del Golfo.

Sta diventando bella musica per le orecchie sentir dire la frase “contagi-zero”. In provincia di Trapani capita da ben cinque giornate consecutive ed anzi i bollettini diramati dall’ASP continuano a riempirsi di guarigioni e dimissioni dagli ospedali. Soltanto in cinque i pazienti tuttora ricoverati e fra questi un alcamese in terapia intensiva. Sono rimasti in 66 gli attualmente positivi in tutto il trapanese. le dimissioni, nelle ultime 24 ore, ammontano a 12. Boom di guarigioni a Valderice dove il dato si è quasi dimezzato (da 13 a 7) mentre sono guariti, oltre al paziente 1 di Alcamo che ha finalmente lasciato l’ospedale, anche l’unico ammalato di Buseto Palizzolo e altri due, gli ennesimi, a Salemi.

Dimissioni, guarigioni e nuovi contagi zero anche in una giornata in cui è ritornato alto il numero di tamponi analizzati, ben 175. Questo il quadro aggiornato dei 66 pazienti ancora positivi in provincia: Alcamo 15; Trapani 12; Castelvetrano 10; Valderice e Salemi 7; Erice 4; Campobello di Mazara, Marsala e Mazara del Vallo 3;  Gibellina e Paceco 1. La Sicilia è davvero un’isola felice e la sua parte più a occidente lo è ancor di più. Il vero di banco di prova arriverà comunque dal 4 maggio, quando la fase 2 consentirà qualche libertà in più nei movimenti.

Totale tamponi effettuati 4.453
Test sierologici su personale sanitario  3.093
Decessi 5
Guariti e dimessi 51; trasferiti Villa Zina 6:
Covid-hospital Marsala – 9 dimessi
S.Antonio Abate (Tp) – 9 dimessi: 3 guariti; 6 trasferiti a Villa Zina fino a completa negativizzazione;
Isolamento domiciliare:39 negativizzati
I dimessi da Covid-hospital Marsala e Sant’Antonio Abate sono guariti e rientrati nei loro domicili privati.