Scarcerato usuraio alcamese, Riesame dispone i ‘domicliari’. Era stato arrestato a gennaio

E’ stato scarcerato, e posto ai domiciliari, il sessantanovenne alcamese, già gravato da precedenti per reati contro il patrimonio e noto negli ambienti sportivo-motoristici, arrestato dai carabinieri nel gennaio scorso con le accuse di usura ed estorsione. Il Tribunale del Riesame di Palermo ha quindi sposato la tesi del difensore dell’uomo, l’avvocato Santino Butera. Le motivazioni del provvedimento saranno comunque depositate fra 40 giorni.

L’alcamese Diego Milotta, secondo le indagini coordinate dal pm Rossana Penna ed eseguite dai carabinieri del capitano De Vito, avrebbe concesso prestiti con tassi usurari che raggiungevano anche il 200%. Due gli episodi delineati dagli inquirenti e riguardanti un uomo di Alcamo e una donna di Valderice. Il sessantanovenne, sempre secondo l’accusa, dopo aver raggiunto con i suoi ‘clienti’ l’accordo per la restituzione del denaro prestato, si rendeva anche protagonista di vessazioni, minacciando ritorsioni personali o ai familiari delle vittime. Così riusciva a farsi promettere molto più di quanto concordato.