Seconda rapina in 24 ore, identico ‘modus operandi’ e stesso orario. Asportata la cassa dell’Upim

Adesso, oltre alla preoccupazione, è seriamente scattata la caccia all’uomo sia da parte dei carabinieri che della polizia. I due rapinatori, dopo appena 24 ore e sempre quando i negozi stavano per chiudere, hanno messo a segno un altro colpo ad Alcamo, fra l’altro a poca distanza da quello effettuato la sera precedente ai danni di ‘Calzature Manno’ del viale Europa.

Stavolta due uomini, probabilmente gli stessi, hanno preso di mira la filiale Upim di via Rocco Chinnici. Praticamente identico il ‘modus operandi’. Uno dei rapinatori si è avvicinato a una cassiera e le ha puntato un coltello alla gola. Soltanto un attimo per asportare l’intero registratore di cassa e dirigersi verso l’uscita che, fra l’altro, dista alcune decine di metri dalla zona dedicata ai pagamenti. I malviventi, usciti fuori dal negozio, sono fuggiti a piedi verso nord, imboccando alcune stradine della zona.

Il colpo ha procurato 350 euro mentre qualcosa meno era stato recuperato dalla rapina del giorno precedente, sempre alla stessa ora e con il medesimo blitz repentino, ai danni del negozio di scarpe e pelletteria. Sia la titolare dell’esercizio che vende calzature che la cassiera dell’Upim hanno subito un fortissimo stato di shock causato dal coltello puntato alla gola. Gli inquirenti sembrano non avere dubbi. I rapinatori, in azione sia venerdì che sabato sera, sarebbero gli stessi.

I carabinieri e la polizia, che stanno svolgendo le indagini sulle due rapine, stanno acquisendo le immagini dei sistemi di video-sorveglianza presenti in tutta la zona. Di certo i due rapinatori, oltre che aggressivi, si sono dimostrati anche sprezzanti del rischio, soprattutto in occasione del primo colpo. A quell’ora, infatti, quel tratto del viale Europa è spesso trafficatissimo o anche intasato di autovetture incolonnate.