San Vito Lo Capo, topo d’appartamento colto in flagrante

Era notte fonda quando ieri è stato sorpreso ed arrestato un uomo a San Vito lo Capo già noto alle forze dell’ordine, proprio mentre stava commettendo un furto all’interno di un’abitazione. I militari della locale Stazione, diretti dal Maresciallo Salvatore Doria e coordinati dal Capitano Savino Capodivento Comandante della Compagnia di Alcamo, già da diverso tempo erano sulle sue tracce da quando erano stati segnalati alcuni tentativi di furto in abitazioni di villeggiatura. L’uomo infatti noto nella comunità sanvitese per essersi reso protagonista in passato di episodi analoghi, nelle ultime settimane era stato sottoposto a mirati controlli da parte dei carabinieri della locale Stazione che per giorni, senza farsi notare, hanno seguito i suoi spostamenti per verificare se potesse esserci la sua mano dietro ad alcuni episodi verificatesi di recente. Ieri notte, la svolta: Luca Fiorino, 34anni, dopo aver trascorso la serata in un locale pubblico e probabilmente aver bevuto qualche bicchiere di troppo è rientrato in casa per cambiarsi e dopo aver indossato degli abiti scuri, in perfetto stile Diabolik è nuovamente uscito per mettere a segno il colpo. Appena individuato l’obiettivo, una villetta in una località isolata, il malvivente scavalcando il muro di recinzione si è introdotto all’interno. A quel punto è scattato il blitz: i carabinieri che nel frattempo avevano accerchiato la casa lo hanno colto in flagranza nel mentre stava tentando di forzare una finestra con un arnese e facendo dunque scattare le manette con l’accusa di tentato furto in abitazione. In seguito alla celebrazione dell’udienza di convalida dell’arresto e giudizio direttissimo, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.